Jabil ancora fumata nera, si va avanti coi licenziamenti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Jabil ancora fumata nera, si va avanti coi licenziamenti. L’azienda ribadisce il piano ai sindacati per il futuro dello stabilimento di Marcianise. Nuovo confronto 28 ottobre

Ancora una fumata nera al termine del secondo confronto tra i sindacati e i vertici della multinazionale Jabil sulla questione dei 190 licenziamenti annunciati dall’azienda per il sito produttivo di Marcianise.

I rappresentanti dell’azienda hanno infatti ribadito, anche alla presenza di rappresentanti di Confindustria, che non ritireranno la procedura di licenziamento collettivo annunciata tre settimane fa.



    Anche il 29 settembre scorso, nel corso del primo round del confronto la Jabil disse a chiare lettere che sarebbe andata per la propria strada, che è quella di alleggerire l’organico, attualmente composto da 440 lavoratori, per arrivare ad una forza lavoro di 250 unità, cifra ritenuto adeguata alla mole di commesse che ha la Jabil.

    Come il primo confronto di fine settembre, anche quello di oggi si è tenuto in modalità telematica, e l’esito è stato analogo (prossimo confronto il 28 ottobre). Anzi, nel corso del tavolo, è emersa un’altra “brutta notizia” per i lavoratori Jabil, ovvero che sarebbe sfumata la costituzione della New-Co tra l’azienda di Portico di CASERTA Tme e Invitalia (società del Ministro dell’Economia), che avrebbe dovuto assumere, come annunciato anche più volte dal Governo, fino a duecento lavoratori dalla Jabil.

    L’operazione di passaggio aveva delle scadenze, ma solo una trentina di addetti ha accettato di essere licenziata da Jabil (tecnicamente si chiama non opposizione al licenziamento, ndr) e ricollocata nella New-Co, così la nuova società potrebbe non vedere mai la luce e potrebbe fallire questa ipotesi di reindustrializzazione.

    Peraltro anche le altre ricollocazioni di lavoratori ex Jabil in aziende del casertano – passaggi avvenuti spesso a spese della stessa Jabil che ha pagato sia i lavoratori che le imprese che li riassumevano – non sono mai decollate.

     




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

    Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE