Innovazione sociale e urbana a San Giovanni a Teduccio: le proposte dell’XI Summer School

SULLO STESSO ARGOMENTO

Innovazione sociale e urbana a San Giovanni a Teduccio: le proposte dell’XI Summer School dei sociologi dell’ambiente e del territorio

Grande partecipazione per l’XI edizione della Scuola di Alta Formazione di Sociologia del Territorio, organizzata da AIS in partnership con l’Università Federico II e il Dipartimento di Scienze sociali di Napoli, con la responsabilità scientifica di Anna Maria Zaccaria, docente di Sociologia dell’ambiente e del territorio presso lo stesso Dipartimento.

Ad ospitare la settimana di studio è stato il Dipartimento di Scienze Sociali della Federico II, nelle aule del Campus Universitario di San Giovanni a Teduccio.

    Una tavola rotonda di presentazione delle ipotesi progettuali dei 30 partecipanti, provenienti da tutta Italia, ha chiuso l’XI edizione della Scuola. I gruppi di lavoro impegnati nelle aree periurbane di Ponticelli e San Giovanni a Teduccio hanno ipotizzato strategie di azione sostenibili, discusse nella tavola rotonda finale con il presidente della VI Municipalità di Napoli, Alessandro Fucito e il presidente della Scuola delle Scienze umane e sociali della Federico II, Stefano Consiglio.

    “La Summer School di quest’anno, che segue quella di Catania – spiega la prof.ssa Anna Maria Zaccaria – è cominciata sul campo con i 30 partecipanti, subito condotti in diverse aree di periferie urbane tra loro diverse: da Vigliena alla zona di costa che porta i segni evidenti della dismissione industriale, ai rioni popolari di Taverna del Ferro e Pazzigno; dal rione De Gasperi ai “bipiani” di Ponticelli Il gruppo è riuscito a cogliere le differenze sostanziali dal punto di vista sociale e fisico dei luoghi, le potenziali risorse e le criticità più evidenti. Ha inoltre registrato l’intensa attività di impegno sul territorio di realtà associative come :la Fondazione Famiglia di Maria che ha dato la vita alla prima comunità energetica urbana di Napoli Est; la Fondazione Figli di Famiglia che ha messo in piedi tantissime attività di educativa territoriale; Maestri di strada, Trerrote, Sepofà, Gioco Immagine e parole e diverse altre , quotidianamente impegnate nel contrasto alla marginalità e all’esclusione sociale, come pure alla promozione del territorio. Questa Scuola è stata pensata e realizzata in collaborazione con colleghi di altri Dipartimenti della Federico II e di altre Università, soprattutto con le associazioni del territorio che ci hanno supportato nella conduzione dei laboratori. Durante la settimana di lavori i partecipanti hanno ragionato su idee di rigenerazione prima sociale e poi urbana, partendo in alcuni casi da quello che c’è già sul territorio e immaginando delle possibilità di sviluppo ulteriore, in altri casi invece producendo idee nuove e sostenibili. Il lavoro di campo è stato condotto – conclude la prof.ssa Zaccaria – non con un approccio di tipo localistico, ma tenendo conto che l’area presa in considerazione, una periferia immediatamente urbana, si pone come caso emblematico che può rappresentare tante periferie italiane e l’intreccio – spesso confuso- di elementi di svantaggio e di marginalità ma anche di risorse che vanno tradotte in cantieri di innovazione sociale e urbana”.

    Il programma formativo ha visto la presenza di esperti nazionali e internazionali, tra cui Miguel Angel Martinez dell’Università di Uppsala- Svezia, e sessioni di confronto operative con approccio del tipo learning by doing (attività sul campo, osservazione diretta, workshop tematici) con l’obiettivo principale di promuovere metodi e tecniche di ricerca per studiare i mutamenti socio-territoriali e per gestirne i processi in una prospettiva etica e di sostenibilità sociale, territoriale e ambientale.

    L’appuntamento è per la XII Summer School – AIS territorio che si terrà nel 2023.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE