Truffa a gestori di telefonia, perquisizione ad avvocato di Benevento

I finanzieri del Comando provinciale di Potenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno eseguito una perquisizione nei confronti di un avvocato di Benevento. Il provvedimento rientra nell’ambito di una indagine della Finanza su un sistema fraudolento posto in essere grazie alla compiacenza di numerosi giudici di pace del capoluogo lucano, con […]

google news
napoli articoli scolastici contraffatti
foto archivio

I finanzieri del Comando provinciale di Potenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Catanzaro, hanno eseguito una perquisizione nei confronti di un avvocato di Benevento. Il provvedimento rientra nell’ambito di una indagine della Finanza su un sistema fraudolento posto in essere grazie alla compiacenza di numerosi giudici di pace del capoluogo lucano, con la presentazione di numerosissimi ricorsi per l’ottenimento di decreti ingiuntivi con la provvisoria esecutivita’.

Il sistema, che secondo l’accusa, era stato inventato dall’avvocato, consisteva nel presentare un imponente numero di ricorsi, circa 3-400 alla volta, per l’ottenimento di decreti ingiuntivi, con precetti per il pagamento delle competenze legali, in cui chiedeva a gestori telefonici l’esibizione di contratti stipulato, spesso on line, dalla clientela, eccependo anomalie nel funzionamento o altri disservizi.

LEGGI ANCHE  Boscoreale, divieto di dimora per 8 della banda degli usurai

Visto che le societa’ non erano in grado di far fronte alle richieste in breve tempo, immediatamente dopo il legale chiedeva un decreto ingiuntivo per il pagamento di una somma a titolo di risarcimento e la liquidazione del proprio onorario.

La Guardia di finanza di Potenza ha anche accertato che i magistrati, non eccependo la propria incompatibilita’ visto che i ricorsi non avevano alcun legame con la competenza territoriale dell’ufficio, avrebbero tratto indebiti benefici economici dal compenso loro spettante per ciascuna causa “a fotocopia” trattata. Spesso, inoltre, secondo l’accusa, i ricorsi venivano presentati anche in assenza di mandato degli asseriti ricorrenti, falsificandone la firma.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Rispondi

Leggi anche

Napoli, trovata un’auto abbandonata nel cratere degli Astroni

La scoperta della polizia municipale di Napoli nella zona del Parco del Cratere degli Astroni

A Napoli bimbo fatto cadere dal balcone: 18 anni di carcere al domestico

Mariano Cannio è stato condannato a 18 anni di carcere. Il 17 settembre 2021 fece cadere dal balcone il piccolo Samuele dal balcone della casa dei genitori, in via Foria

Napoli aderisce al progetto delle Music City: il plauso di Fimi

Napoli aderisce al progetto delle Music City. FIMI accoglie con entusiasmo l'adesione della città di Napoli al programma internazionale delle Music City promosso da...

Napoli, sorpreso a scassinare la macchinetta delle fototessere: arrestato

Napoli. Questa notte a Poggioreale i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato per tentato furto Carmine Fusco, 35enne napoletano già noto alle forze dell’ordine. I...

IN PRIMO PIANO

Pubblicita