Terra fuochi, in estate rallenta trend: diminuzione dei roghi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo 20 mesi (dall’autunno del 2020) di continua discesa del numero di incendi di rifiuti nelle province di Napoli e Caserta rispetto al trend storico, i mesi di giugno e luglio di quest’anno segnano un rallentamento nella positiva tendenza: a giugno 2022 si sono registrati 140 roghi contro i 158 dello stesso mese del 2021, e durante l’appena trascorso mese di luglio 194 roghi di rifiuti contro i 204 del luglio 2021.

Sono i dati del report mensile diffuso dall’Incaricato per la lotta agli incendi di rifiuti. Sono pur sempre numeri in diminuzione, ma ormai molto vicini ai dati degli anni precedenti; fra le cause, oltre quella climatica, c’e’ un aumento della pressione sul sistema di raccolta, conferimento e smaltimento dei rifiuti, gia’ strutturalmente in difficolta’.

Ne e’ un esempio l’ulteriore aumento dei roghi nei territori dei comuni costieri (Mondragone, Castel Volturno, e Giugliano in Campania), dove se ne sono registrati 15 a giugno e 52 a luglio, contro lo “0” dei mesi invernali. Appare confermata la stagionalita’ del fenomeno in forte connessione con il numero dei dimoranti (il numero di roghi in aree urbane dove esistono carenze strutturali nel sistema di raccolta e’ direttamente proporzionale al numero dei residenti).



    Gli incendi presso i campi Rom sono stati il 7% del totale, in lieve diminuzione rispetto al mese di giugno; va tenuto tuttavia presente che si tratta sovente di roghi di significative dimensioni e di grande visibilita’, tali da destare forte allarme sociale.. Continuano ad aumentare gli abbandoni, a fronte del minor numero di incendi, confermando il dato per cui anche dove l’azione preventiva e repressiva fa diminuire o mantiene costante il numero di roghi, non cala la quantita’ di rifiuti abbandonati nel territorio.

    “Quanto alle attivita’ di contrasto, dallo scorso mese di maggio si e’ adottato un nuovo modello di controlli sul territorio “a sorpresa”, sempre concentrati sulle attivita’ di trasporto abusivo e scarico di rifiuti, ovviamente senza trascurare le attivita’ commerciali, industriali, artigianali e agricole e le filiere produttive. Oltre agli ottimi risultati ottenuti nel controllo e nel sequestro di veicoli e nel controllo delle persone, si evidenzia ancora una volta il rilevantissimo incremento delle sanzioni, piu’ che decuplicate da un anno all’altro, testimonianza di una attivita’ di contrasto e prevenzione che si fa sempre piu’ incisiva”, si sottolinea nel report.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    ‘Greta la matta’, uno spettacolo per tutta la famiglia, in scena al Nest

    Tratto da “Greta la Matta” di Carll Cneut e Geert De Kockere, in scena sabato 2 marzo (ore 21) e domenica 3 marzo (ore 18). I bambini potranno assistere allo spettacolo gratuitamente. Una creazione collettiva di Massimiliano Burini, Matteo Svolacchia e Giulia Zeetti. In scena Chiara Mancini, Debora Renzi e Andrea Volpi. Questa è la storia della piccola Greta, che viene chiamata Greta la dolce, la carina, la particolare, la strana, la diversa... la matta. La...

    De Luca: “Regione Campania con i conti in regola, siamo primi in Italia”

    Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha dichiarato che nonostante le eccellenze raggiunte nella gestione finanziaria e sanitaria della regione, spesso tali successi faticano a ricevere visibilità sui media nazionali. De Luca ha evidenziato che la Campania si distingue per i risultati ottenuti nella gestione del bilancio, affermando che è la prima regione d'Italia sotto questo aspetto. Durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte dei Conti a Napoli, sono stati riconosciuti i progressi compiuti...

    Mugnano, morte del piccolo Raffaele, l’Asl: “Praticata rianimazione per 35 minuti”

    Non sono bastati 35 minuti di manovre di rianimazione per ridare la vita al piccolo Raffaele B. di soli 4 anni morto ieri all'ospedale san Giuliano di Giugliano. In una nota dell'Asl Napoli 2 Nord viene ricostruita tutta la tragedia e ilk lavoro svolto dal personale visto che è stata aperta un'inchiesta da parte della magistratura dopo la denuncia presentata dai genitori del piccolo. Il personale del 118 è arrivato a Mugnano, a casa dei nonni...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE