Perizie medico-legali false, ex dirigente Asl Caserta verso processo

Richiesta di rinvio a giudizio con fissazione dell’udienza preliminare al 15 dicembre prossimo per l’ex direttore del Dipartimento di Salute Mentale (Dsm) dell’Asl di Caserta Luigi Carrizzone e altri otto imputati, accusati a vari titolo di corruzione in atti giudiziari, false dichiarazioni in atti destinati all’autorita’ giudiziaria, falsita’ materiale e ideologica; tutte contestazioni concernenti la […]

google news
marito violenza sessuale
Foto archivio

Richiesta di rinvio a giudizio con fissazione dell’udienza preliminare al 15 dicembre prossimo per l’ex direttore del Dipartimento di Salute Mentale (Dsm) dell’Asl di Caserta Luigi Carrizzone e altri otto imputati, accusati a vari titolo di corruzione in atti giudiziari, false dichiarazioni in atti destinati all’autorita’ giudiziaria, falsita’ materiale e ideologica; tutte contestazioni concernenti la produzione da parte di Carrizzone,in cambio di tangenti, di certificati medici ritenuti falsi anche perche’ realizzati senza sottoporre i pazienti beneficiari a visita, e utilizzati anche in procedimenti penali.

Il rinvio a giudizio e’ stato richiesto dal pubblico ministero Giovanni Corona, sostituto della Procura della Repubblica di Napoli Nord, che per tali fatti ha stralciato la posizione di Carrizzone e degli altri imputati da quella che era “l’indagine madre” sul presunto malaffare al Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl casertana, che ha sede ad Aversa.

Il filone principale dell’inchiesta aveva portato ai domiciliari, nel gennaio 2021, Carrizzone e altre undici persone (altre sei erano state raggiunte da misure di interdizione dal lavoro) per un giro di appalti indetti dal Dsm finiti a ditte compiacenti in cambio di soldi e altri regali. Altri filoni della maxi-indagine riguardavano i tanti casi di assenteismo dei dipendenti, e appunto i certificati medici redatti da Carrizzone dietro il pagamento di somme di danaro.

Con l’ex dirigente Asl rischiano il processo la sua segretaria Patrizia Rampone, l’altro collaboratore Antonio D’Angelo, l’avvocato penalista Pierangelo Della Morte e le cinque persone che hanno richiesto e ottenuto il certificato medico ritenuto falso. Dagli accertamenti realizzati dalla Procura e dai carabinieri, e’ emerso che Carrrizzone avrebbe ricevuto mille euro da uno degli imputati, Vincenzo Bianco, dividendo la somma con la segretaria, per emettere un certificato medico che doveva servire a Bianco per chiedere l’archiviazione in un’indagine penale in cui era coinvolto. Per gli altri casi non e’ stata invece provata la corruzione

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Tre studenti su 4 sono contro il divieto dei cellulari in aula

Tre studenti su 4 sono contro il divieto dei cellulari in aula. Lo dice l'ultimo sondaggio della Tecnica della Scuola Il divieto assoluto d'uso del...

‘Il mio Siani’, presentazione del volume realizzato da ‘Il Mattino’ a 37 anni dalla sua scomparsa

"Il mio Siani". Presentazione del volume realizzato dal quotidiano “Il Mattino” a 37 anni dalla sua scomparsa. Dal Ministro della giustizia Marta Cartabia al regista...

Meteo Napoli, in arrivo tempesta equinoziale: da sabato 5 giorni di pioggia

Meteo Napoli, stiamo per dire addio alle belle giornate e al tepore del sole molto piacevole in questo periodo. Infatti l'autunno arriva in Italia con...

Lavoro: i partiti puntano alla riforma, le proposte a confronto con Lablaw

Roma. Il tema della riforma del lavoro sarà al centro della prossima legislatura e tanti saranno i nodi da sciogliere per i partiti: lavoro...

IN PRIMO PIANO

Pubblicita