Napoli, De Luca: ‘Il Grande Progetto del Centro storico è una sfida da vincere’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, De Luca: ‘Il Grande Progetto del Centro storico è una sfida da vincere. Abbiamo cento milioni di euro inutilizzati.’

“Si riprende il lavoro del Grande progetto del Centro storico di Napoli e abbiamo davvero la possibilità di avviare un lavoro di riqualificazione di un centro storico meraviglioso, è una delle grandi sfide culturali e urbanistiche che dobbiamo vincere”.

Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, all’Archivio Storico di Napoli per la consegna dei lavori di valorizzazione dell’Atrio del Platano e della Sala Catasti realizzati nell’ambito del Grande progetto Centro storico di Napoli.

    Abbiamo avuto 100 milioni di euro rimasti sostanzialmente inutilizzati per anni – ha ricordato De Luca – quando ci siamo insediati abbiamo visto che c’erano questi 100 milioni non spesi e abbiamo contrattato con l’Unione Europea lo slittamento di questi fondi nella programmazione successiva, 2014-2020, quindi abbiamo salvato il grosso del finanziamento. Però adesso dobbiamo cominciare a rendicontare la spesa, altrimenti dobbiamo restituire questi soldi. Credo che ci siano tutte le condizioni per fare davvero un lavoro eccellente, d’intesa anche con le Soprintendenze perché siamo nel centro storico. Per i dati che ho io ad oggi, sugli 84 milioni residui, 18-20 milioni sono opere già completate nel centro storico e rendicontabili, dobbiamo investire gli altri 60-70 milioni. Il lavoro comunque è ripreso, cerchiamo di non distrarci e di non perdere tempo con le fesserie, le polemiche, le palle, gli articoli. Pensiamo a lavorare, qui c’è un patrimonio immenso”.

    Alla domanda sulle responsabilità dei ritardi, De Luca ha risposto: “Se uno ti mette in mano 100 milioni di euro e dopo 10 anni non hai mosso una foglia, diciamo che c’è una qualche debolezza amministrativa, una qualche distrazione. Se Dio vuole ora si riprende il lavoro per un lavoro di riqualificazione di un centro storico che è meraviglioso, credo il più grande d’Europa insieme a quello di Genova. E’ veramente una delle grandi sfide culturali e urbanistiche che dobbiamo vincere. Ovviamente la precondizione è che ci sia stabilità nelle amministrazioni, che ci sia un lavoro di medio lungo periodo perché non sono cose che si fanno in due mesi, e che ci sia la capacità amministrativa. Alla fine le amministrazioni si misurano dai risultati che producono, non dai programmi che presentano ai cittadini”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE