HomeCronaca GiudiziariaDue pazienti morti e una grave: tre inchieste sul dottor Stefano Cristiano

Due pazienti morti e una grave: tre inchieste sul dottor Stefano Cristiano

google news

Le tre inchieste penali parallele a carico del dott. Stefano Cristiano: la morte di Francesco Di Vilio, la morte di Raffaele Arcella e le lesioni gravissime subite da Angela Iannotta, ancora in pericolo di vita.

Ieri ennesima udienza al Tribunale di Nola (presidente Alessandra Zingales )per la morte di Raffaele Arcella il giovane 29 enne di Caivano deceduto tre anni fa a seguito di un intervento di chirurgia bariatrica alla clinica Trusso di Ottaviano eseguito dal dott. Stefano Cristiano imputato di omicidio colposo.

Raffaele era di Caivano ma abitava a Crispano. I familiari di Raffaele, la moglie Maria di soli 26 anni, il figlio di 8 mesi, il padre Antonio e la madre Teresa Grimaldi sono costituiti parte civile con l’avvocato Fernando Pellino e la prossima udienza e’ fissata per il 15 settembre prossimo.

In quella data dovra’ essere sentito il consulente medico legale della parte civile il dottor Giuseppe Liguori che ieri non e’ riuscito a completare il suo interrogatorio e che dovra’ probabilmente solo riportarsi alle conclusioni del prof. Guido Sciaudone.

Il consulente del pubblico ministero  ha spiegato che Raffaele mori a causa di un errore medico compiuto durante l’intervento di mini by pass gastrico dal dottore Cristiano e dal dottore Carlo Casillo perche’ venne recisa l’arteria retrostante l’aorta.

Il dottore Stefano Cristiano era presente in aula insieme al suo avvocato e nel calendario di ottobre ha chiesto di essere interrogato. Nel volto dei familiari di Raffaele, pure loro presenti in aula, la disperazione per un lutto devastante che li ha colpito.

Intanto Angela Iannotta, pure lei operata di chirurgia bariatrica dal dottore Stefano Cristiano, e’ ancora in pericolo di vita anche se continua a dare segni di miglioramenti : dopo l’intervento ricostruttivo di chirurgia viscerale di due giorni fa, durato tra le 7 e le 9 ore, eseguito dal professor Franco Corcione accademico e direttore della chirurgia generale al secondo policlinico universitario partenopeo.

La giovane mamma di Santa Maria Capua Vetere ieri e’ uscita dalla terapia intensiva  superando con anticipo le 48 ore critiche di cui ha parlato il prof. Corcione ed ora e’ tornata nel Reparto di Chirurgia anche se e’ ancora in prognosi riservata.

Durante l’intervento – come ha dichiarato il prof. Corcione – alcuni organi interni sono stati letteralmente trovati bruciati e sono stati ricostruiti. Ora fara’ degli accertamenti diagnostici tra cui una tac e il prof. Corcione la tiene continuamente monitorata.

A questo punto bisogna attendere ancora almeno 7 giorni – ha detto ieri il professore – per capire come il fisico della giovane continuera’ a reagire al complesso intervento multidisciplinare eseguito.

Intanto i legali di Angela gli avvocati Raffaele e Gaetano Crisileo ( che hanno nominato dei loro consulenti ) attendono gli sviluppi dell’inchiesta penale da parte della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che dopo 5 sequestri di atti e documenti alla Clinica Villa del Sole di Caserta e ad altre strutture private accreditate interessate sta assumendo la dimensione di una mega inchiesta per numeri di indagati e per ipotesi di reato ( dalle lesioni colpose all’ omicidio colposo, alla falsificazione di atti ecc.).

In particolare l’indagine punta anche ad accertare una colpa organizzativa nei confronti della Villa del Sole di Caserta.

Le cartelle cliniche cosi come i documenti amministrativi sequestrati sono al vaglio di esperti nominati dalla magistratura per individuare profili di responsabilita’ penale per colpa medica dei sanitari che hanno trattato Angela Iannotta e Francesco Di Vilio, ( quest’ultimo deceduto ) ambedue colpiti da setticemia e choc settico dopo diversi interventi eseguiti sempre dal chirurgo bariatrico dott. Stefano Cristiano, responsabile di chirurgia della Villa del Sole ed eseguiti presso quella struttura privata casertana.

Intanto l’ inchiesta prosegue anche sul versante amministrativo: l’Asl di Caserta, il suo Direttore Generale e la Regione Campania su imput del Ministro della Sanita’ sono stati interessati ad aprire un’ inchiesta per accertare se la struttura privata convenzionata casertana poteva eseguire interventi di chirurgia bariatrica sebbene non sia munita di terapia intensiva e di rianimazione. E allora su quali basi e’ stato concesso l’accreditamento regionale ?

Si chiede il padre di Angela, Mario Iannotta. L’inchiesta amministrativa una volta conclusa potrebbe coinvolgere anche chi ha espresso il parere sull’accreditamento regionale.

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Cancro fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 29 giugno è quello del Cancro Ariete Situazione del tutto diversa per chi ha appena iniziato una storia d’amore che...

Superenalotto, realizzati due 5 da 113mila euro. TUTTE LE QUOTE

Nessun '6' né '5+1' al concorso di oggi del Superenalotto. Sono stati realizzati due '5' che vincono 113.105 euro ciascuno. Il jackpot a disposizione...

Napoli, Manfredi: “Puntiamo a recuperare aree per nuove spiagge”

Napoli. "Le spiagge a numero chiuso di accesso sono una richiesta che ci e' venuta dall'Autorita' Portuale, che ha competenze sul demanio marittimo. C'e'...

La Polizia di Stato e Airbnb tornano a diffondere i consigli anti-truffa per prenotare la casa vacanza

Dall’inganno con trattativa dall’estero alle finte offerte, come riconoscere le truffe da evitare. Quasi 7 italiani su 10 nel mirino dei ladri di dati...

CRONACHE TV

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita