Napoli, sorelle ferite con acido: resta in carcere la zia 20enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Resta in carcere la 20enne accusata di aver aggredito con l’acido le due sorelle di 17 e 24 anni, di cui è zia, la sera del 30 maggio a Napoli. È quanto ha deciso il gip di Napoli al termine di oltre 6 ore, dopo l’interrogatorio di garanzia al quale è stata sottoposta la donna, assistita dall’avvocato Bernardo Scarfò.

Il gip ha dunque confermato l’ipotesi di reato di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al volto. Il legale della donna ha annunciato ricorso al Tribunale del Riesame.La ventenne resta così nel carcere di Pozzuoli. Nel corso dell’interrogatorio, la donna ha confermato la versione già resa in questura a Napoli dove si era presentata spontaneamente: non è stata lei a lanciare l’acido contro le due sorelle.

Gli inquirenti hanno acquisti le immagini delle telecamere di sorveglianza, da cui, secondo quanto riferisce l’avvocato Scarfò, si vede la sua assistita scendere dal motorino insieme con una amica, con un casco bianco in mano (casco che è stato sequestrato dalla Procura), ma senza altri oggetti. Secondo quanto riferito, la donna alla vista di 2 bottigliette che contenevano l’acido si sarebbe subito allontanata.

    Sarebbero stati altri componenti del gruppo ad avvisare la ventenne della presenza delle due bottigliette. La donna ha spiegato che avrebbe avuto intenzione di colpire le due ragazze con il casco, ma non di utilizzare l’acido.

    Nell’ordinanza gli inquirenti ricostruiscono la vicenda partendo dalla genesi, una diatriba risalente a circa tre anni fa che ha diviso la famiglia e che ha esacerbato gli animi in maniera irreparabile. Da allora i rancori mai sopiti tra le due fazioni sono degenerati via via fino all’eclatante episodio di lunedi’ notte.

    L’avvocato ritiene meritevoli di ulteriori approfondimenti le ricostruzioni sulla collocazione nella zona della Sanita’ degli scooter degli aggressori, tracciati grazie ai sistemi di riconoscimento delle targhe. Le indagini della Squadra Mobile, coordinata dal dirigente Alfredo Fabbrocini, stanno anche cercando di fare luce, tra l’altro, sul precedente incendio della Smart intestata al padre delle due ragazze vittime del raid ma nella loro disponibilita’.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Quali sono i titoli di accesso per il bando ATA 2024?

    A breve è atteso il nuovo bando ATA terza fascia per l'aggiornamento delle graduatorie di Circolo e d'Istituto, valide per il triennio 2024-2027.  Con l'introduzione di significative novità e nuovi requisiti professionali quest'anno, la preparazione dei candidati diventa più cruciale che mai. In questo scenario, la certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale...

    A Giugliano arrestato il latitante Francesco Iacolare: era pronto alla fuga

    Giugliano.I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Giugliano in Campania hanno arrestato questa notte Francesco Iacolare, 52enne già noto alle forze dell'ordine e ritenuto vicino ad ambienti della criminalità organizzata. https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/uploads/2024/05/Giugliano-arresto-Francesco-Incollare.mp4 Su Iacolare pendeva un ordine di carcerazione emesso lo scorso 9 maggio dalla Procura Generale di Napoli, al quale...

    CRONACA NAPOLI