Casal di Principe, documenti falsi e droga nascosti in una cassaforte

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casal di Principe, documenti falsi e droga nascosti in una cassaforte: obbligo di firma per due coniugi.

E’ stato disposto l’obbligo di firma per Alfredo Taliento, 48 anni, pluripregiudicato e per la moglie Patrizia Rubino, 46 anni, potentini ma casalesi di adozione.

I due sono accusati di detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e possesso e fabbricazione di documenti falsi. I due avevano subito una perquisizione nella loro abitazione di Casal di Principe, in via Fabrizi, disposta dal pm del tribunale di Potenza per un procedimento a carico di Rubino per il reato di truffa.

    I carabinieri ritrovarono in cucina una cassaforte nascosta in bustoni per l’immondizia.

    All’interno vennero ritrovati 284 grammi di hashish e il materiale per il confezionamento, insieme a due carte d’identità false. Il Gip Raffaele Coppola del Tribunale di Napoli Nord ha disposto l’obbligo di presentazione alla pg, pur convalidando l’arresto, scattato in occasione della perquisizione.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, il boss pentito Pasquale Cristiano: “Ci fu un summit di 30 persone per decidere di eliminarci”

    La faida di camorra che nei mesi scorsi ha insanguinato le strade di Arzano e dei comuni vicini aveva trovato il suo apice nel...

    Agguato a Scampia: feriti il capo piazza Giancarlo Possente e un amico

    I feriti sono Giancarlo Possente, capopiazza alla "33" per conto degli Abbinante e Pasquale Parziale ritenuto vicino alla Vanella Grassi

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE