Napoli, la FP CGIL: “Situazione pronto soccorso Cardarelli migliora, 70-80 pazienti in attesa”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. “Al CARDARELLI, dopo il trasferimento dei pazienti presso altre strutture ospedaliere della zona collinare e la chiusura di uno dei due reparti Covid con utilizzo dei posti disponibili per il ricovero dei pazienti in Pronto soccorso-Osservazione breve intensiva, sembra che la situazione sia migliorata, anche se continuano a persistere in barella tra i 70 e gli 80 pazienti in attesa di ricovero presso l’area critica di emergenza”.

E’ quanto si legge in una nota della Fp Cgil area metropolitana di Napoli. “E’ doveroso a questo punto – afferma la Fp – che la Direzione strategica aziendale si faccia carico di accertare le responsabilità interne in merito a carenze organizzative e gestionali e assuma i conseguenti provvedimenti.

La principale criticità di tutti i Pronto soccorso dell’area metropolitana di Napoli, oltre l’elevato numero di accessi e la carente dotazione organica del comparto e della dirigenza, è rappresentata dal cosiddetto ‘boarding’, vale a dire dalla prolungata permanenza dei pazienti in barella in attesa di ricovero con conseguente sovraffollamento, causata dalla incapacità dei reparti di accogliere i pazienti per mancanza di posti letto disponibili”.



    Secondo la Fp Cgil di Napoli “questo fenomeno è il risultato del taglio progressivo e costante, nel corso degli ultimi due decenni, dei posti letto ospedalieri, ma anche della organizzazione interna agli ospedali che continua a considerare l’area critica di emergenza, comprendente Pronto soccorso e Obi, come un corpo avulso dal resto dell’ospedale”.

    La Fp Cgil chiede di “affrontare la gravissima situazione dell’area di emergenza sanitaria per arrivare a soluzioni rapide, che tamponino nell’immediato le criticità, e nel medio e lungo periodo siano capaci di rifondare alla radice il sistema di emergenza sanitaria” e ribadisce che “non accetterà nessun arretramento culturale in merito al modello di Medicina e Chirurgia di accettazione ed urgenza, che resta valido e unico riferimento per garantire la migliore assistenza in emergenza-urgenza”.

    Inoltre la Fp Cgil chiede che “si faccia ogni sforzo e si metta in campo ogni iniziativa affinché si inverta l’esodo dei medici dal Ps-Obi, i quali non sono solo un numero nella casella dei turni, ma svolgono una funzione di alta specializzazione che difficilmente può essere surrogata” e che “si intervenga sulla organizzazione interna per rispondere al disagio degli operatori socio sanitari, degli infermieri e dei medici che prestano la loro attività in area critica di emergenza, ciò al fine di migliorare le condizioni lavorative, prevenendo come da normativa lo stress lavoro correlato”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Napoli, il 19 marzo ‘Pino Daniele Day’

    **Celebrato il 'Pino Daniele Day' a Napoli il 19 Marzo** Il 19 marzo a Napoli si terrà il 'Pino Daniele Day' per commemorare l'indimenticabile artista nel giorno del suo compleanno, onomastico e della Festa del Papà. L'evento, organizzato da Warner Music Italy, avrà luogo presso il Sum - Stati Uniti Del Mondo, sede dell'installazione museale permanente 'Pino Daniele Alive'. Durante il pomeriggio, a partire dalle 16:45, Luca De Gennaro e Mixo di Radio Capital guideranno...

    Quarto, spari contro l’auto di un incensurato

    È mistero a Quarto per una sparatoria avvenuta nella zona di via Cupa Lava. I carabinieri sono infatti intervenuti in seguito a colpi d'arma da fuoco esplosi contro l'auto di un giovane di 24 anni, senza precedenti penali. Il veicolo, parcheggiato in strada, è stato sequestrato dopo che sono stati trovati tre fori di proiettile nella parte posteriore. Fortunatamente non si sono verificati feriti in questo episodio. Al momento sono in corso indagini per comprendere la dinamica...

    Napoli, Città Metropolitana da ok a manutenzione impianti videosorveglianza nelle scuole

    La Città Metropolitana di Napoli approva interventi di manutenzione degli impianti di videosorveglianza e tecnologici nelle scuole superiori di sua competenza. Gli accordi firmati prevedono un finanziamento totale di 4,7 milioni di euro per garantire la sicurezza e il corretto funzionamento dei sistemi tecnologici presenti negli edifici scolastici. Oltre alle telecamere di videosorveglianza, verranno interessati anche altri impianti come quelli elettrici, antincendio, di rilevazione fumi e trasmissione dati. L'impegno della Città Metropolitana è quello di ottimizzare la...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE