‘Hola Diego’, uno spettacolo di epica sportiva al Sannazaro di Napoli

Il 19 maggio nell’ambito della terza edizione di Montedidio, si terrà ‘Hola Diego’ un reading-spettacolo di epica sportiva.

hola diego
hola diego/foto cs

Si chiama Hola Diego ed è un Reading-spettacolo di epica sportiva che il Teatro Sannazaro di Napoli ospiterà il 19 maggio prossimo nell’ambito della terza edizione di ‘Montedidio racconta’, manifestazione culturale e sociale  ideata da Laura Cocozza e Vincenza Donzelli, organizzata da Iuppiter Group, Interno A14 e Amici di Palazzo Serra di Cassano – che si svolge a Napoli, sulla collina di Pizzofalcone.

Hola Diego, è nato da un’idea di Max De Francesco e Davide Martino, con Antonello Cossia, scritto da Marcello Altamura e Gianmaria Roberti.

Attraverso un racconto che prevede incursioni nella magia dei video di Alessandro Papa e nella musica con il dj Giorgio Bracci, il sassofonista Antonio Graziano e il fisarmonicista Ezio Testa, Hola Diego è il tributo a un mito contemporaneo che tanto sarebbe piaciuto a Pasolini, grande appassionato di calcio, che scrisse: “Il sogno di ogni giocatore (condiviso da ogni spettatore) è partire da metà campo, dribblare tutti e segnare. Se, entro i limiti consentiti, si può immaginare nel calcio una cosa sublime, è proprio questa. Ma non succede mai“.

Hola Diego è solo uno degli appuntamenti della rassegna napoletana che si aprirà rivelando i suoi tesori dal 19 al 22 maggio, in una quattro giorni di storie, arte, letteratura, giornalismo, musica, teatro e cinema.

Il tema scelto dagli organizzatori di ‘Montedidio racconta’ per questa terza edizione è “PPP, Pasolini Passione Partenopea”, per onorare, attraverso iniziative “corsare” e spettacoli esclusivi, il centenario della nascita di uno dei più grandi intellettuali del ‘900. L’apertura della terza edizione si svolgerà il 19 maggio, alle ore 18, a Palazzo Serra di Cassano.

Oltre ad Hola Diego il 19 maggio previsto il “Premio Montedidio 2022”: consegna dei riconoscimenti a personaggi del mondo della cultura, delle professioni e dello spettacolo. Nei giorni successivi “Pasolini e l’eresia della libertà”.

Seminario di giornalismo e letteratura in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Campania. La proiezione dei docufilm “Nel Paese di temporali e primule” di Andrea D’Ambrosio, viaggio nel Friuli di Pasolini e nell’amata terra d’ispirazione Casarsa, e “Centoventi contro Novecento” di Alessandro Scillitani e Alessandro Di Nuzzo, che ricostruisce la leggendaria partita amichevole di calcio del 1975 tra le troupe dei film Salò e Novecento.

Il 21 maggio concerto “Il Vangelo secondo Matteo” del compositore milanese Stefano Battaglia (Piano solo). L’affascinante tentativo di mettere Pasolini in musica. In collaborazione con Synt. Il 22 maggio tour nei luoghi di Monte di Dio e non solo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui