Roberto Saviano e GOMORRA, condanna per plagio: il 27 SETTEMBRE PRIMA UDIENZA SU RISARCIMENTO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il 27 settembre ci sarà la prima udienza davanti alla Corte d’Appello di Napoli per la rideterminazione delle somme che lo scrittore Roberto SAVIANO e la Arnoldo Mondadori Editore dovranno risarcire alla Libra Editrice, società editrice dei quotidiani Cronache di Napoli e Cronache di Caserta .

La riproduzione illecita nel libro “Gomorra” di alcune parti di tre articoli pubblicati dai quotidiani nel 2005. è stata accertata in via definitiva dalla Corte di Cassazione nel 2015, con il rinvio alla Corte d’appello per la quantificazione del danno da risarcire.

Con sentenza del 2016, la sezione specializzata in materia di impresa della Corte d’Appello di Napoli aveva quantificato in 6mila euro la somma che la Arnoldo Mondadori e SAVIANO dovevano pagare alla Libra editrice, che attraverso i suoi legali Marco Cocilovo e Mauro di Monaco ha presentato un nuovo ricorso in Cassazione.

    A dicembre 2021 la Suprema Corte ha così nuovamente rinviato alla Corte d’Appello la quantificazione del danno, per la quale però stavolta andrà tenuto conto degli utili derivanti dall’enorme successo ottenuto dal romanzo “Gomorra“: troppo pochi i 6mila euro indicati nella sentenza di secondo grado, secondo i giudici della Cassazione.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    Aversa, tentano di rubare la marmitta dal furgone delle Poste: arrestati 2 napoletani

    Nella giornata del 15 febbraio 2024, la Polizia Ferroviaria di Aversa ha eseguito un'ordinanza di arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Napoli...

    Camaldoli, ruba grate in ferro da una proprietà del Comune: arrestato

    Arrestato un uomo nella zona dei Camaldoli per furto di grate in ferro di proprietà del Comune di Napoli. Gli agenti del Commissariato Arenella hanno...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE