Caivano, Parco Verde: “Abbiamo ristrutturato il bagno” ma sotto la vasca ci sono le sigarette

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caivano. A Caivano i Carabinieri della locale tenenza sono stati impegnati in un servizio a largo raggio nel Parco Verde. Diverse le perquisizioni domiciliari effettuate e in una di queste una singolare scoperta. Un pezzo di busta che spuntava sotto la vasca da bagno ha incuriosito i militari.

Pronta la scusa, “lavori di ristrutturazione da poco ultimati”. I Carabinieri hanno voluto vederci chiaro e “armati” di piccone e scalpello è stata approfondita la vicenda. Sotto la vasca era stato creato ad hoc un vano all’interno del quale erano nascosti più di 880 pacchetti di sigarette illegali di varie marche per un peso complessivo di quasi 17 chili.

Gli abitanti dell’appartamento – madre 75enne e suo figlio di 48 anni – sono stati denunciati per contrabbando. La merce illecita è stata sequestrata.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE