Angela Iannotta, l’inchiesta si allarga

SULLO STESSO ARGOMENTO

Angela Iannotta, l’inchiesta si allarga. Il chirurgo bariatrico potrebbe non essere il solo indagato

Il chirurgo bariatrico Stefano Cristiano, primario della Chirurgia della Clinica Villa del Sole di Caserta (indagato, per Angela Iannotta, di lesioni colpose gravissime in ambito sanitario e indagato per omicidio colposo per la morte di Francesco Di Vilio), potrebbe non essere il solo indagato in queste due inchieste legate tra loro da un filo rosso. Più elementi confermano che la lista dei medici indagati a breve si allargherà.

Intanto da indiscrezioni il dott. Cristiano ha chiesto al Pubblico Ministero – la dott.ssa Valentina Santoro – di collaborare (e quindi di farsi interrogare ) alla presenza del suo legale (che lo difende nel processo dinanzi al Tribunale di Nola – presidente Alessandra Zingales – dove è imputato di omicidio colposo per la morte di Raffaele Arcella, il giovane di 29 anni di Caivano deceduto in seguito ad un intervento di chirurgia bariatrica sempre praticato da lui questa volta nella Clinica Trusso di Ottaviano. In quel processo i genitori di Raffaele sono costituiti parte civile con l’avv. Fernando Pellino e la prossima udienza è il 14 giugno prossimo).



    Per la cronaca il dott. Stefano Cristiano, ha eseguito su Angela Iannotta due by pass gastrici. Il secondo intervento – cui seguì la setticemia e lo schok settico – fu eseguito nella Villa del Sole di Caserta mentre il primo nella Clinica Villa Letizia de L’Aquila.Tutte le cartelle cliniche – sia quelle di Angela Iannotta che di Francesco Di Vilio – sono state già state sequestrate e i periti della Procura stanno redigendo la loro relazione.

    Intanto i legali di Angela, gli avvocati Crisileo, stanno facendo esaminare da docenti di mamagement sanitario la posizione del direttore sanitario della Clinica Villa del Sole di Caserta per una eventuale denunzia per colpa organizzativa della struttura. Potrebbero depositare l’atto di nei prossimi giorni.

    Francesco Di Vilio morì il 2 gennaio di quest’anno presso l’Ospedale Cardarelli dopo due interventi chirurgici eseguiti presso la Clinica Villa del Sole di Caserta, a seguito pure lui di una setticemia e di uno schok settico. Intanto le condizioni di Angela continuano a essere critiche ed e’ in attesa di essere sottoposta al quinto intervento chirurgico ( e ne seguiranno altri, tutti rischiosi), presso il Secondo Policlinico da parte del prof. Francesco Corcione, ordinario di Chirurgia Generale alla Federico II.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Salerno, picchia la compagna e la sorella: arrestato 42enne

    Un uomo di 42 anni è stato arrestato dai carabinieri a Santa Marina, provincia di Salerno, per aver maltrattato la compagna e la sorella di quest'ultima. Durante una lite in casa, l'uomo ha picchiato la compagna di 43 anni, causandole diverse contusioni, e ha aggredito anche la sorella della donna,...

    Avellino, banditi fanno esplodere il bancomat di Bper

    Colpo dei bombaroli del bancomat ad Avellino. Ignoti stamane poco prima che albeggiasse hanno fatto esplodere un ordigno allo sportello bancomat esterno della Bper di Corso Kennedy E' accaduto intorno alle 5.10. Il forte fragore e l'allarme non hanno fatto desistere i banditi dal portare a termine il loro colpo....

    Arzano, ladri scassinano il Gio’s drink: il titolare pubblica il video

    Arzano - Ladri a volto scoperto sfidano lo Stato e derubano il “Gio’s drink” h24 di via Napoli. Commerciante per protesta pubblica i video sui sociali. Ancora assalti, ancora furti che non sembrano minimente fermarsi in una città ormai fuori controllo. L’amara sorpresa la mattina presto quando arrivando davanti all’ingresso,...

    Napoli, danni all’auto di don Luigi Merola: “La camorra ci vuole sfrattare”

    Vetro dell'auto distrutto e lampeggiante rubato: questa mattina don Luigi Merola ha trovato la sua auto di servizio danneggiata. Il sacerdote, da anni impegnato nella lotta alla camorra, ha denunciato l'accaduto sulla pagina Facebook della sua fondazione "'A voce d'e creature". Un messaggio intimidatorio? Secondo don Merola, l'episodio è da...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE