Napoli, pochi medici: chiude di notte il 118 al Rione Sanità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il 118 a Napoli chiude ogni notte la postazione Incurabili, nel quartiere Sanita’, per poter tenere aperta 24 ore la postazione nel quartiere di Ponticelli.

E’ questa l’ultima decisione, al via da lunedi’ 7 febbraio, di un diffcile percorso del soccorso immediato da parte di Giuseppe Galano, direttore del 118 a Napoli e anche presidente della Aaroi (Associazione anestesisti e rianimatori ospedalieri italiani).

Galano aveva gia’ lanciato da mesi un allarme per la mancanza di medici e infermieri nel comparto delle ambulanze e anche oggi sottolinea nella lettera all’Asl Napoli 1 che il 118 ha bisogno “per le molteplici attivita’ in ambito territoriale e regionale di circa 500 unita’ lavorative nei vari ruoli, svolte in parte dall’Asl e in parte da risorse messe a disposizione dall’appaltatore” e che il 118 “e’ giunto a livelli critici di carenza in tutti i profili professionali: medici, infermieri, autisti e tecnici, accentuati anche dalla crisi pandemica covid, come gia’ segnalato piu’ volte”.

    Galano ha sottolineato “lo spirito di collaborazione e sacrificio dei dipendenti, che garantiscono attivita’ con notevole lavoro aggiuntivo”, ma anche “i recenti trasferimenti volontari dei medici del 118 verso la medicina generale e la continuita’ assistenziale”.

    Un trasferimento dovuto alla mancanza di pagamenti maggiori per i medici delle ambulanze che si trovano a rischio anche di aggressioni e convivono con malati covid in ambulanza. Per questo Galano sottolinea la “sospensione temporanea – prosegue nella lettera – del turno notturno della postazione Incurabili che mi permettera’ di ritirare il personale Asl da Ponticelli facendolo sostituire dal personale della societa’ appaltatrice”.

    Galano gia’ nei giorni precedenti aveva scritto all’Asl ricordando “che il servizio 118 gestisce 19 postazioni, di cui 5 con risorse Asl di mezzi e personale e 13 in appalto” e che la Asl con il 118 gestisce il trasporto secondario con 14 mezzi in un periodo in cui si registrano oltre 60.000 interventi di ambulanze l’anno anche in ragione della pandemia covid.

    Il 118 a Napoli era gia’ stato costretto ad alcune modifiche precedenti come il ritiro del medico dalla postazione di Chiatamone. In tutto, spiega Galano, il 118 ha perso 35 medici solo su Asl Napoli 1, mentre sulla Campania sono circa 200 i medici andati via negli ultimi mesi. Il 118 ricorda anche che la chiusura di Incurabili e’ provvisoria in attesa dell’assunzione di nuovo personale dalla Asl Na1 che ha gia’ operato i bandi.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Geolier mantiene la promessa e porta il premio cover sulla tomba dell’amico Daniele

    Geolier porta il premio cover sulla tomba dell'amico Daniele Geolier, il rapper di Secondigliano, ha recentemente mantenuto una promessa toccante fatta al suo defunto amico Daniele Caprio. Dopo la perdita di Daniele a causa di un sarcoma, Geolier ha deciso di onorare la memoria dell'amico portando il premio vinto dalla collaborazione con Gigi D'Alessio, Gué e Luché sulla sua tomba. Di nome Emanuele, Geolier ha mostrato il suo lato più umano visitando la famiglia di...

    Castellammare, Dino De Angelis, e “Il caso Tenco” andato in scena al Teatro Stabile Santa Filomena

    “Il caso Tenco”, uno spettacolo di Dino De Angelis, narratore e scrittore lucano, è andato in scena sabato 2 e domenica 3 marzo presso il Teatro Stabile Santa Filomena di Castellammare di Stabia, nell’ambito della rassegna 2024. L’autore, supportato da immagini e filmati dell’epoca, con una potente narrazione durata circa due ore, ha coinvolto emotivamente il folto pubblico presente, attraversando la tormentata vita di Luigi Tenco fino al tragico epilogo avvenuto il 27 gennaio 1967,...

    Avellino, i Nas chiudono struttura socio assistenziale per anziani

    I carabinieri dei Nas, con la collaborazione dell'Asl di Avellino e del Consorzio dei servizi sociali di Atripalda, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo su una struttura socio-assistenziale nel comune di San Michele di Serino, in provincia di Avellino. La struttura, priva di autorizzazione all'esercizio, è stata chiusa a seguito di un'ordinanza emessa dal sindaco e di successive indagini dei Carabinieri del Nas. All'interno della struttura sono state riscontrate gravi irregolarità igienico-sanitarie e mancanza di...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE