I Lapilli del Parco Archeologico di Ercolano: Il Magma

La terza serie del fortunato format di video social del Parco Archeologico di Ercolano, I Lapilli del Parco Archeologico di Ercolano: Il Magma.

MuDe
parco archeologico di ercolano/Foto archivio

Il si trova ad una nuova virata di boa e, a partire dal 2 febbraio, lancia la terza serie del fortunato format di video social I Lapilli del Parco Archeologico di Ercolano: .

Il nome suggestivo vuole rendere il senso di una realtà potente in fermento, in continuo divenire come noi concepiamo il sito: la nuova serie, infatti, accompagnerà i visitatori alla scoperta degli scavi, restauri e lavori di tutela e manutenzione sulle domus e le realtà archeologiche al Parco che in questi mesi stanno cambiando il volto che la città antica ai suoi visitatori.

Questa volta il direttore Francesco Sirano non sarà solo ad illustrare cosa sta accadendo al Parco in questi mesi, ma i funzionari, i restauratori, i tecnici e gli esperti introdurranno nuovi contenuti.

Ancora una volta accogliendo le richieste e le curiosità della community social, si parte dal “dietro le quinte” dell’antica spiaggia, un cantiere che ha già attirato l’attenzione internazionale, regalando emozioni inaspettate, con il ritrovamento dello scheletro dell’ “ultimo fuggiasco”, ancora con il suo piccolo corredo, una scoperta unica per molti aspetti di cui il pubblico sarà portato a conoscere ed approfondire nella sua portata più ampia che inciderà sul volto della Ercolano di domani.

LEGGI ANCHE  Napoli, sequestrata a Scampia discarica e allevamento abusivo di animali

La serie Magma rappresenta un ulteriore avanzamento verso la strutturazione di un rapporto sempre più stretto con la comunità del Parco. Si pone sulla linea delle fortunate serie de I Lapilli del Parco di Ercolano e de I Lapilli sotto la cenere, appuntamenti fissi del periodo di lockdown e della riapertura.

Il ha rimodulato la propria offerta di visita, entrando direttamente con la voce guida del Direttore Sirano nelle case degli appassionati di archeologia, di cultura, di curiosità e predisponendo strumenti per interagire dal momento della riapertura.