A Napoli al setaccio le strade della faida di Fuorigrotta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Al setaccio le strade della faida di Fuorigrotta

E’ in corso dalle prime ore del mattino un servizio straordinario di controllo del territorio dei Carabinieri della compagnia di Bagnoli nel quartiere Fuorigrotta. Posti di controllo e perquisizioni lungo le strade più sensibili, negli ultimi giorni al centro di fatti di sangue.

Via Caio Duilio, via Campegna e il rione Lauro, presidiati da decine di militari alla ricerca di armi e droga.

    Sul posto i nuclei speciali e le unità cinofile che stanno setacciando numerosi edifici e quelle che sono considerate le piazze di spaccio.

    Il territorio di Fuorigrotta è stato di recente interessato da uno scontro fra clan, culminato in particolare nel ferimento di Vitale Troncone, considerato al vertice del clan Troncone predominante nella zona, seguito dall’omicidio del 42enne Salvatore Capone, considerato a sua volta uomo di fiducia e scorta armata dei boss del rione Lauro.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

    Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE