Torna libero #PasqualeAversano accusato del sequestro di persona della sua convivente, una donna di origini rumene. Il tribunale del Riesame di Napoli ha annullato la misura cautelare




Era stato sottoposto a misura cautelare in carcere il 16 dicembre su disposizione del GIP del Tribunale di Napoli.

La custodia in carcere era scattata a seguito della denuncia della ex convivente che lo accusava di gravi reati, tra i quali sequestro di persona, istigazione al suicidio e maltrattamenti.

La donna, di origine rumena, aveva proposto denuncia dopo il malsano gesto di defenestramento verificatosi lo scorso 24 ottobre, ancora in fase di accertamento.
L’indagato, Aversano Pasquale, un operaio, ha respinto fermamente le gravi accuse a proprio carico professandosi innocente.

LEGGI ANCHE  Campania, medici di medicina generale: "Continua la pressione sugli studi"

All’udienza tenutasi il 29 dicembre, la difesa dell’indagato, assunta dall’avvocato Vincenzo Esposito, ha esposto al Tribunale delle Libertà tutte le circostanze in favore del proprio assistito evidenziando l’assenza della gravità indiziaria a carico dell’uomo.

A seguito della camera di consiglio, il di Napoli, dopo un’attenta analisi di tutto l’incartamento cautelare, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere disponendo l’immediata liberazione dell’indagato.


Somma Vesuviana, arrestati 2 fratelli con più di un chilo di esplosivo in casa

Notizia precedente

Giovinco avvisa Insigne: “A Toronto sparirai dai radar. E i soldi non sono quelli promessi”

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi