Rapina in Tangenziale a Napoli: a processo un 39enne

SULLO STESSO ARGOMENTO

Rapina in Tangenziale a Napoli: gli investigatori della Polizia di Stato sono riusciti ad identificare ed assicurare all’Autorità Giudiziaria un uomo di 38 anni che, a bordo di una Fiat Panda e armato di un coltello dalla lama di trenta centimetri e con il viso travisato da una calza, nella notte del giugno 2019 aveva rapinato un distributore.

In particolare, gli operatori della Sottosezione Autostradale della Polizia Stradale di Fuorigrotta, dalla visione delle immagini di videosorveglianza dell’area di servizio, avevano riconosciuto la vettura, una Fiat Panda, che era stata rubata tre giorni prima ad una donna che l’aveva parcheggiata nella medesima area di servizio per recarsi presso l’adiacente fast food.

Dopo aver setacciato tutta la zona adiacente alla scena del crimine, l’autovettura era stata intercettata, poche ore dopo la rapina, in sosta all’interno dell’ospedale “San Giovanni Bosco” di Napoli, chiusa e con all’interno dell’abitacolo un coltello ed una calza da donna di colore nero, simili a quelli utilizzati per la rapina.



    A seguito del ritrovamento, l’autovettura era stata esaminata e sottoposta ad accertamenti tecnici da parte degli operatori del Gabinetto Interregionale Polizia Scientifica di Napoli al fine di repertare gli oggetti e rinvenire altre tracce utili alle indagini.

    Dagli accertamenti esperiti, erano emersi elementi sullo specchietto retrovisore interno del veicolo, che risultavano appartenere ad un uomo già noto alle Forze dell’Ordine e già sottoposto a fotosegnalamento per furto di autovettura.

    Sulla calza da donna erano state rinvenute tracce di DNA che avevano fornito un profilo genetico di persona di genere maschile.

    Pertanto, l’Autorità Giudiziaria, pochi mesi fa, aveva disposto l’accompagnamento dell’uomo sospettato di essere stato l’utilizzatore dell’autovettura rubata e la comparazione, mediante prelievo coattivo, tra il suo DNA e quello rilevato dalla Polizia Scientifica.

    Dai risultati degli accertamenti è emerso che i due profili genetici erano perfettamente sovrapponibili e che quindi risultavano compatibili.

    L’uomo, che all’atto della rapina risultava sottoposto alla misura degli arresti domiciliari ed attualmente è già detenuto per altri fatti, è stato rinviato a giudizio per rapina aggravata e porto abusivo di arma.

    L’autovettura rinvenuta, dopo gli accertamenti tecnici, è stata restituita alla legittima proprietaria.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA


    Torna alla Home


    Salvini: Solo il nucleare può ridurre le bollette energetiche

    Il viceprimo ministro Salvini sostiene che l'energia nucleare costituisce l'unica strategia per diminuire le spese energetiche nel nostro paese. L'energia nucleare: un approccio sicuro e pulito? Nel corso del G7 sui trasporti, Salvini ha difeso l'adozione del nucleare come forma di energia sicura e pulita e unica alternativa per abbattere la...

    Amadeus, lo sfogo di Sabrina Ferilli: “Mi fa schifo che si sputt*** la gente”

    Sabrina Ferilli ha espresso su Instagram la sua disapprovazione riguardo alle speculazioni e ai rumor che gravitano intorno alla questione Amadeus, puntando il dito contro i professionisti coinvolti. Lo ha fatto attraverso un post su Instagram, senza peli sulla lingua. Il pubblico in attesa di notizie sul futuro di Amadeus Immagini...

    Suviana: scatola nera e perizie per capire la strage

    Bologna - Potrebbero essere i dati registrati dal sistema Scada, una sorta di "scatola nera" delle centrali idroelettriche, a fornire alcuni degli elementi chiave per chiarire le cause della tragedia di Suviana. L'esplosione di martedì ha causato la morte di sette tecnici durante lavori di collaudo. Il sistema Scada, come...

    Padre Maurizio Patriciello: “Anche io ho avuto un tumore”

    E' da brividi il racconto di Padre Maurizio Patriciello. Lui che è uno degli artefici delle tante battaglie contro Terra dei Fuochi e in difesa dei più deboli e degli ultimi spiega in un post su facebook che anche lui si è ammalato di cancro. "Alla fine del primo anno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE