Questo l’allarme lanciato dall’avvocato Elvira Carpentieri, presidente del Centro studi sulla crisi economica delle famiglie italiane (#Cscefi) nel webinar.




Questo l’allarme lanciato dall’avvocato Elvira Carpentieri, presidente del Centro studi sulla crisi economica delle famiglie italiane (Cscefi) nel webinar “In crescita il debito delle famiglie italiane” promosso a in collaborazione con l’Osservatorio sul debito con banche e finanziarie.

Siamo passati dalla pandemia sanitaria a quella economica. Nel 2020 la sospensione delle procedure esecutive ha riguardato circa 44mila immobili; con la revoca delle sospensioni c’è stata una vera e propria esplosione delle vendite all’asta. Il rischio oramai concreto è che migliaia di famiglie italiane trascorrano quest’inverno impegnate a difendere la loro prima casa”.

 “Difendere la prima è possibile, ci sono diversi strumenti per farlo. Bisogna affidarsi a professionisti specializzati nella materia che siano in grado di elaborare diverse strategie”. L’avvocato Francesco Cacciola, presidente dell’Ond (Osservatorio nazionale sul debito con banche e finanziarie) ha sottolineato che al Sud si sono registrati aumenti delle procedure esecutive del 113% e nelle isole l’aumento arriva al 285%.

LEGGI ANCHE  Caserta, centro vaccinale nel caos: la coda delle auto fino a Ponte d’Ercole

Il valore delle prime case all’asta nell’89% dei casi non arriva a 200mila euro. Il rischio è quello di perdere la e rimanere con il debito”. Secondo la professoressa Enrica Morlicchio, ordinario di Sociologia del nella “Federico II”, “l’effetto pandemia ha colpito famiglie già indebolite dalla lunga crisi economica che sta vivendo il Paese. E’ venuta meno anche la solidarieta’ familiare cosi’ come il fattore risparmio. I meccanismi finanziari di tipo bancario andrebbero modificati per permettere alle famiglie di non rimanere intrappolate nell’indebitamento”.

Le possibilità offerte dalla prossima Legge di Bilancio sono state sottolineate da Alessio Saraullo, consigliere nazionale dell’Unione giovani dottori commercialisti ed esperti contabili: “La revisione dell’Irpef e la proroga dei bonus sono misure che tendono a sostenere l’economia in fase di uscita incidendo sul tasso di crescita nel medio periodo. Un altro elemento fondamentale e’ l’introduzione dell’assegno unico che mette ordine nelle diverse forme di aiuto alle famiglie”.


Caserta, centro vaccinale nel caos: la coda delle auto fino a Ponte d’Ercole

Notizia precedente

Sono ora 31 i positivi al Covid nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi