A scuola con il plaid, studenti ed insegnati al gelo a Sant’Antimo

SULLO STESSO ARGOMENTO

A scuola con il plaid: termosifoni spenti o malfunzionanti in tutte le scuole di Sant’Antimo e anche a Napoli

È un freddo dicembre quello che si sta vivendo in Campania. Per gli studenti, però, lo è molto di più. Sembra infatti che numerosi istituti scolastici abbiamo problemi con gli impianti di riscaldamento e così insegnati ed alunni sono costretti a fare lezione al gelo. Il freddo inoltre è reso ancora più intenso dal fatto che per la normativa dettata dalla prevenzione del COVID-19 gli insegnanti sono costretti a dover lasciare le finestre aperte per garantire il riciclo dell’aria.

La situazione più drammatica sembra interessare Sant’Antimo dove gli istituti, dagli asili alle medie inferiori, si ritrovano con molte aule con i termosifoni non funzionanti.

    Le mamme degli alunni della scuola elementare Giacomo Leopardi si preparano intanto ad una protesta negli uffici comunali (il comune è stato sciolto per infiltrazioni camorristiche ed è amministrato da 3 commissari prefettizi).

    “Il comune è in deficit e non accendono i riscaldamenti, tra l’altro gli impianti non sono neanche stati controllati. I bambini seguono le elezioni con i cappotti, cappelli e plaid ma hanno sempre molto freddo così spesso per non fargli fare delle assenze li mandiamo a scuola a ma poi andiamo a riprenderceli. Il problema non è solo in questa scuola ma in tutte.”– spiega una delle mamme rivoltasi al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

    Il problema termosifoni non è, però, circoscritto a Sant’Antimo perché anche da Napoli arrivano proteste.

    “Ecco come siamo obbligati a stare noi ragazzi nel momento in cui nelle scuole a Napoli (almeno nella mia) non funzionano i termosifoni e per le norme Covid dobbiamo stare con finestre e porte aperte. Nonostante noi ci copriamo bene con maglie, maglioni e giubbotti, il freddo si sente e siamo costretti a stare con plaid.”– racconta una studentessa dell’ istituto d’arte Boccioni- Palizzi di via Terracina.

    “Abbiamo inviato delle comunicazioni alle direzioni scolastiche dei vari istituti per aver ben chiaro il quadro della situazione. Intanto abbiamo chiesto all’Ufficio Scolastico Regionale di verificare cosa accade in tutti gli istituti e di intervenire. Con le temperature basse che si stanno registrando è impensabile che gli studenti ed insegnanti siano costretti a fare lezione senza riscaldamenti con il rischio che molti di loro si possono ammalarsi, come tra l‘altro già sta avvenendo, da quel che ci è stato raccontato. Se non ci saranno riscontri nelle prossime ore, procederemo con un esposto alla Procura della Repubblica.”– ha dichiarato il Consigliere Borrelli.






    LEGGI ANCHE

    Mr. Rain incontra i fan al Centro Commerciale Campania: il 7 marzo a Marcianise

    Mr Rain incontra i suoi fan al Centro Commerciale Campania di Marcianise, in provincia di Caserta, dopo la sua esibizione al Festival di Sanremo. L'artista presenterà il suo nuovo album "Pianeta di Miller", un viaggio emotivo attraverso la sua musica e le sue emozioni. Il disco, ispirato al film Interstellar, contiene 12 canzoni e rappresenta il quinto lavoro della sua carriera. L'evento si terrà giovedì 7 marzo alle 17:30 in Piazza Campania, dove Mr Rain firmerà...

    A Palazzo Donn’Anna presentazione del libro L’INTANGIBILE NELL’ARCHITETTURA di Bossi e Cerere

    Il significato di edificare architettonicamente: un'analisi sulla qualità dello spazio costruito Un interessante evento si terrà giovedì 7 marzo alle ore 17.30 a Palazzo Donn’Anna, durante il quale la Fondazione Ezio De Felice presenterà il libro “L'intangibile nell'architettura - La vocazione oikologica e il carattere cosmotopico dell'interno architettonico” di Agostino Bossi e Paolo Cecere, edito da CLEAN edizioni. I relatori, tra cui Michelangelo Russo, Imma Forino, Pierluigi Salvadeo, Ludovico Fusco e Leonardo Di Mauro, discuteranno...

    La Protezione Civile della Campania: “Area flegrea è costantemente monitorata”

    L'area flegrea è oggetto di un attento monitoraggio e vi è un costante dialogo con la comunità scientifica, incluso il confronto con la commissione grandi rischi del dipartimento della protezione civile nazionale. Qualsiasi segnale di preoccupazione per un possibile aumento del livello di allerta proviene dalla comunità scientifica, ma al momento non ci sono segnali che suggeriscano tale evoluzione. È quanto affermato da Italo Giulivo, direttore della Protezione civile della Regione Campania, durante una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE