Oltre 40 truffe ad anziani, due condannati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Avevano messo a segno più di quaranta truffe ai danni di anziani ultrasettantacinquenni nella capitale.

Ora per i due uomini e’ arrivata la condanna da parte del tribunale di Roma. A condurre le indagini nel 2018 sono stati i carabinieri della Stazione di Roma Quadraro che dopo aver ricevuto una denuncia per tentata truffa presentata da un anziano hanno avviato gli accertamenti anche sul metodo utilizzato dai truffatori che sfruttavano condizioni, a loro detta, di necessita’ di figli e nipoti.

I carabinieri sono riusciti cosi’ a mettersi sulle tracce di due uomini campani, i quali venivano continuamente in trasferta a Roma, dove, individuavano le ignare vittime. Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Roma, sono emerse le responsabilita’ di B.F., originario di Napoli, che fingendosi un avvocato o l’emissario di un legale, avvicinava le vittime in strada, riferendogli di essere stato incaricato da un loro familiare per la riscossione di crediti derivanti da vertenze civilistiche.



    Per queste pratiche, tuttavia, era necessario un preventivo versamento di una somma in contanti. B.F., ottenuta la fiducia delle vittime anche simulando una telefonata al familiare in questione, accompagnava gli anziani in banca o fino a casa, dove, a volte, oltre a ricevere il denaro consegnato in buona fede, si impossessava fortuitamente di altro denaro, consegnando in cambio una busta per lettere vuota.

    Truffe che avvenivano in concorso con S.V. che seguiva il complice con l’auto sulla quale erano salite anche alcune vittime. Auto che serviva, inoltre, per scappare, nel caso, qualcosa fosse andato storto. A carico degli autori, nella fase delle indagini preliminari, sono state individuate ben 46 truffe aggravate tentate e consumate, commesse ai danni altrettanti anziani, sette furti tentati e consumati in abitazione, due furti, un’appropriazione indebita e una lesione come conseguenza di altro delitto, tutti compiuti nel territorio della Capitale dal marzo a settembre del 2018.

    All’individuazione dei due si e’ arrivati attraverso la visione e il confronto di numerosissimi video, controlli autostradali, accertamenti sulle utenze, anche intestate ad altri, analisi di tabulati e tracciamento telefonico, localizzazione temporale dei soggetti e comparazione con gli eventi ed anche riscontri presso il Ris di Roma circa alcune compatibilità soggettive sulle immagini.

    Le prove di colpevolezza acquisite si sono mostrate solide trovando pieno riscontro nell’ambito dei procedimenti avviati: al termine del primo procedimento con rito abbreviato nel 2020, per una sola parte dell’indagine, e’ arrivata la condanna a 6 anni e 4 mesi di reclusione, poi diminuita a 4 anni e 8 mesi in appello, e 4.000 euro di multa, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e alla dichiarazione di delinquenza abituale con conseguente applicazione di misura di sicurezza detentiva.

    Il tre dicembre scorso il tribunale ha emesso condanne, con rito ordinario, per gli altri capi di imputazione a 3 anni e 2 mesi di reclusione per il primo (che si sommano ai 4 anni e 8 mesi in abbreviato) e 2 anni e 7 mesi di reclusione per l’altro.







    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE