Sessa Aurunca, badante tenta uccidere anziana e nipote: arrestata

Una badante di 43 anni e' stata arrestata con l'accusa di maltrattamenti, lesioni personali aggravate e tentato omicidio nei confronti di una 94enne di Sessa Aurunca.

google news
frattamaggiore evasione scolastica
foto archivio

Sessa Aurunca. Una badante di 43 anni e’ stata arrestata con l’accusa di maltrattamenti, lesioni personali aggravate e tentato omicidio nei confronti di una 94enne di Sessa Aurunca.

La donna, di origine polacca, da 19 anni in Italia e percettrice di reddito di cittadinanza, prestava servizio come badante da circa una settimana nell’abitazione dell’anziana. A soccorrerla per prima e’ stata la nipote di 48 anni, attirata dalle urla di aiuto provenienti dall’appartamento confinante con il suo della zia; la donna e’ entrata e ha visto l’anziana completamente nuda, minacciata e malmenata con pugni al volto dalla badante.

LEGGI ANCHE  Superenalotto, centrati sei 5 da 33mila euro

Intervenuta per fermare l’aggressione, e’ stata anche lei vittima di una aggressione dato che la 43enne, con veemenza, l’ha afferrata per le gambe tentando di farla cadere dalla finestra del primo piano. La Donna si e’ salvata solo grazie al tempestivo intervento del figlio di 22 anni che, sentendo le urla, e’ andato subito in aiuto della madre e della zia.

Cosi’ sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca che hanno immobilizzato la donna. La badante, ha anche opposto resistenza nei confronti dei militari dell’Arma e ed e’ stata rinchiusa nel carcere di Pozzuoli.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Caro bollette, a Napoli panificatori in piazza con una bara

In piazza Plebiscito a Napoli distribuito pane gratis ai cittadini contro il caro bollette

Caserta, incidente sulla Statale: un morto

Auto schiacciata da 2 tir in provincia di Caserta lungo a strada statale Nola-Villa Literno: un morto

Prof ucciso a Melito: sospettato sentito in caserma

Il magistrato che sta conducendo le indagini sul prof ucciso a Melito sta interrogando un operatore scolastico della scuola della vittima e dove è stato ritrovato il corpo

Neonato in pericolo di vita salvato dai medici della Campania e del Lazio

Il piccolo di 50 giorni è stato stabilizzato al Moscati di Avellino e trasferito al Bambin Gesù di Roma

IN PRIMO PIANO

Pubblicita