E’ la società che gestisce il servizio idrico integrato a #Benevento e in diversi comuni dell’Ato #Campania 1




Un sequestro beni milionario a carico della società che gestisce attualmente il servizio idrico integrato in diversi Comuni di competenza dell’Ato 1 Campania.

Lo ha disposto il gip di Benevento nell’ambito di una indagine della Procura sannita. Sigilli a denaro, beni mobili e immobili della Gesesa per un totale di 78.210.529 euro. Il sequestro è stato disposto per reati commessi a Benevento negli anni 2017, 2018, 2019, per non avere adottato ed efficientemente attuato modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire i reati contestati nell’inchiesta relativa al grave dei fiumi e che il 15 maggio dello scorso anno aveva portato già al sequestro preventivo di 12 impianti di depurazione gestiti dalla stessa società e alla denuncia di 33 persone.

LEGGI ANCHE  Rifiuti tossici in Tunisia, veleni pronti a rientrare in Campania per formare nuove ecoballe

Per gli inquirenti, c’è una presenza diffusa e massiva di scarichi diretti dalle fogne dei comuni di Benevento e della provincia nel e nel dovuta, in alcuni casi, all’assenza di depuratori, con immissione di reflui inquinanti direttamente nei corsi d’acqua, in altri al non corretto funzionamento dei depuratori esistenti.


Covid, con il super Green Pass a Napoli è caccia al certificato per l’esenzione

Notizia precedente

Plusvalenze Juventus: nel mirino anche i rapporti con gli agenti

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi