Novità per EAV: 3 nuovi dirigenti entro gennaio e 300 milioni in arrivo grazie al Pnrr. Ma a Terzigno, la lascia decine di viaggiatori a piedi

Un’avaria dei treni della ha lasciato a piedi, in mattinata a Terzigno, decine di viaggiatori, costretti a scendere dal convoglio in panne e proseguire il tragitto che li separava dalla fermata a piedi sui binari: “Treni ed infrastruttura vecchia purtroppo determinano spesso problemi – si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa di Eav – Questa mattina sulle linee vesuviane il treno 6072 partito da Sarno alle 7.22 ha avuto un guasto che ha bloccato il convogli in prossimita’ della stazione di Terzigno. Il personale, come previsto dalle procedure in questi casi, ha montato le scalette su entrambe i convogli, agevolando la discesa dei passeggeri ed accompagnandoli nei 300 metri che li separavano dalla stazione, dove sostava un altro treno col quale hanno potuto proseguire il viaggio verso Napoli. Il tutto in sicurezza e seguendo le normali procedure previste in caso di guasti in linea”.

ADS

Restando invece agli aspetti positivi, dall’Ente Autonomo Volturno viene sottolineato come “la direzione trasporto ferroviario, a seguito di regolare concorso e nell’ottica del ricambio generazionale, subira’ a partire dal primo gennaio una totale trasformazione, con tre nuovi dirigenti (eta’ media 45 anni). Sono risultati vincitori un dirigente proveniente da Trenitalia che assumerà la direzione e coordinerà le attività degli altri due dirigenti neoassunti, provenienti rispettivamente da Alstom-Ferrari (manutenzione materiale rotabile) e da stessa (produzione servizio ferroviario)”.

poi annuncia di avere “immesso in servizio ieri il sedicesimo treno revampizzato sulle linee vesuviane. Altri nove treni revampizzati saranno immessi in servizio nei prossimi mesi. Il contratto per i quaranta treni nuovi con Stadler è stato firmato e sono in produzione”.

“Sulla vesuviana – viene infine evidenziato – è previsto un investimento di 300 milioni di euro grazie ai fondi del Pnrr, che determineranno finalmente un volto moderno all’infrastruttura ferroviaria esistente, con conseguenti vantaggi per la circolazione e gli utenti. In particolare, 80 milioni per il potenziamento della tratta Castellammare-Sorrento e 170 milioni per l’adeguamento tecnologico e la sicurezza delle gallerie. gestisce 36 gallerie per 51 chilometri, che rischiavano di chiudere come ha chiuso la galleria Vittoria a Napoli perche’ mancavano i fondi per la ristrutturazione”.



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Covid Italia, è di nuovo picco: 10.172 positivi e 72 morti

Notizia precedente

Cane morto in auto: processo a dogsitter di Napoli

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..