Un tra Pompei e Matera, per raccontare il ruolo della donna nel mondo antico, attraverso ornamenti e gioielli, espressione del gusto estetico di epoche e contesti differenti, ma anche simbolo di uno status sociale.

Così la mostra “Da Matera a Pompei. ” allestita presso il Museo archeologico Domenico Ridola dal 18 novembre 2021 al 30 giugno 2022 – frutto della collaborazione tra il Museo Nazionale di Matera e il Parco Archeologico di Pompei e il Ministero della Cultura – mette a confronto e unisce due contesti archeologici molto diversi tra di loro e lontani nello spazio e nel tempo.

LEGGI ANCHE  Napoli, gli avevano scavato la fossa per la relazione con la moglie di un detenuto
ADS

Da un lato la Basilicata antica, influenzata dai costumi e dalle mode del mondo greco coloniale, dall’altro Pompei e l’area vesuviana, dove nel I secolo d.C. sono ben documentati lo stile e il gusto romano.

Giovedì 18 novembre ore 12,00 la mostra sarà inaugurata dai curatori Annamaria Mauro, Direttrice del Museo Nazionale di Matera, Massimo Osanna, Direttore Generale Musei e Gabriel Zuchtriegel, Direttore del Parco Archeologico di Pompei.



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

Napoli, i giovani delle scuole calcio allo stadio con 3 euro

Notizia precedente

Aka 7Even vince il Best Italian Act agli Mtv Ema

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..