Il super narcos Raffaele Imperiale resta in carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il tribunale del Riesame di Napoli ha rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare emessa dal gip  e avanzata dai legali del narcotrafficante internazionale Raffaele Imperiale, arrestato a Dubai il 19 agosto.

Per la procura di Napoli, che ha depositato atti nuovi, Imperiale non era un “semplice fornitore di droga” ma “uno dei pilastri su cui poggia tutta l’organizzazione camorristica degli scissionisti del clan Di Lauro” e senza i suoi agganci “il clan Amato sarebbe scomparso o forse mai esistito”.

Le indagini su Imperiale hanno portato a individuare anche i contatti del narcotrafficante con i criminali ritenuti a capo di cartelli della droga coinvolti nella cosiddetta ‘Mocro War’ in Olanda e Belgio, che ha provocato oltre 40 morti, Taghi Ridouan e di Riquelme Vega, il primo in attesa di processo, il secondo preso in Cile nel 2017 ed estradato in Olanda dove e’ stato di recente condannato.

    La Dda ha prodotto anche le dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia, primo fra tutti Carmine Cerrato, braccio destro del boss Lelluccio Amato, che ha raccontato dei codici cifrati con i quali parlavano tra loro, dei telefonini ‘usa e getta’. Una volta, ricorda, Imperiale fu protagonista di un grave incidente stradale, in cui mori’ una persona, avvenuto mentre guidava una Ferrari e nel quale venne coinvolto anche un affiliato alla guida di una Lamborghini.

    A Imperiale interessavano le vetture, “non mostrava disappunto sul fatto che le auto di pregio fossero andate distrutte in quanto aveva molti soldi”, ha detto ai pm il pentito.

    La Procura di Napoli ritiene che  il clan degli scissionisti degli Amato Pagano sarebbe durato poco e forse neppure esistito senza Raffaele Imperiale, il narcotrafficante originario di Castellammare di Stabia arrestato agli inizi dello scorso agosto a Dubai dove si trova tuttora e per il quale e’ stata inoltrata una richiesta di estradizione.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La polizia di Dubai: “Ecco come abbiamo arrestato Imperiale e Mauriello”

    Nelle scorse settimane il Tribunale del Riesame si e’ pronunciato contro la revoca della misura cautelare emessa nei confronti di Cerrone, persona estremamente vicina a Raffaele Imperiale (il quale fece ritrovare anche due quadri di Van Gogh rubati che aveva acquistato, ndr), che, gli Amato Pagano, chiamano confidenzialmente “il compare”, sebbene sia conosciuto anche con i soprannomi di “Lelluccio di Ponte Persica” o “Lello Ferrarelle”.






    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE