spalletti
Il tecnico del Napoli Spalletti commenta la partita


Carico e determinato: Luciano Spalletti chiede il meglio al suo , domani atteso da una sfida importante per il prosieguo della sua . Avversario è il Legia Varsavia, primo nel girone con due vittorie nelle prime due partite contro Spartak Mosca e Leicester.

Il tecnico di Certaldo ha parlato dell’incontro in conferenza stampa, senza nascondersi: “E’ una gara decisiva, se non vinciamo sarà durissima andare avanti nella competizione. E’ un passaggio fondamentale per il nostro futuro. Vincere domani può essere anche un segnale per il campionato e può rafforzare la nostra mentalità”.

L’allenatore anticipa tanti cambi, ma non vuole parlare di turnover: “Per me è un’offesa, nella rosa sono tutti titolari e questo ci permette di fare delle rotazioni. Basta pensare che all’inizio del campionato hanno giocato spesso dal 1′ Meret, Manolas e Lobotka, mentre e Demme stanno rientrando solo ora. Zielinski ha un problema fisico, non sarà della partita per precauzione ma è pronto per domenica contro la Roma”.

Turno di riposo per Victor , il primo dall’inizio della stagione (squalifiche escluse): “Sta bene, ma la qualità della nostra rosa ci permette di farlo sedere in panchina almeno per l’inizio. Poi potrebbe essere della partita in corso. Sia che Petagna hanno le giuste caratteristiche per sostituirlo domani”.

Spalletti ha poi parlato della sostituzione di Lozano a pochi minuti dalla fine contro il Torino: “Era un po’ dispiaciuto per il cambio ed è una cosa comprensibile. Avevo bisogno di un giocatore più fisico per quei 5 minuti. Ma penso la reazione sia stata esagerata: è andato a festeggiare con tutti al fischio finale, è una situazione risolta”.

Una battuta anche su Insigne dopo il rigore sbagliato contro il Torino: “E’ serenissimo, può capitare anche ad un leader di sbagliare. Sa che deve reagire, ma non ha nulla da dimostrare. Cambiare rigorista? Non ci darebbe nessuna certezza e resta un rischio del quale possiamo fare a meno”.

 Vincenzo Scarpa