Napoli, Osimhen racconta la sua storia: “Pulivo grondaie per pochi centesimi”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sette gol in otto partite con il Napoli, a segno anche con la sua Nigeria nelle qualificazioni al Mondiale 2022. Victor Osimhen continua a stupire in quello che è sicuramente il momento migliore della sua carriera per rendimento e dopo la sosta nazionali è pronto a tornare a giocare con la maglia azzurra, che ritroverà già questa domenica contro il Torino.

PUBBLICITA

L’attaccante non ha mai dimenticato le sue origini e la sua città natale di Lagos, in Nigeria, anche nei momenti più alti della sua carriera da calciatore. Soprannominato “Humble Victor” dai tifosi del Lille, sua ex squadra, è rimasto per l’appunto sempre “umile” e lo ha dimostrato in un’intervista rilasciata al canale Youtube dell’ex difensore dell’Udinese Troost-Ekong (ora in forza al Watford, in Inghilterra).

“Dove sono nato e cresciuto io nulla è promesso e devi lavorare duramente per ottenere qualsiasi cosa tu voglia – ha detto Osimhen, parlando della sua infanzia travagliata -. Da giovane io e la mia famiglia facevamo il possibile per andare avanti e guadagnare qualcosa: mia sorella vendeva arance, mio fratello giornali e io pulivo grondaie, il tutto per pochi centesimi”.



    “Le difficoltà mi hanno forgiato nella vita – ha aggiunto il nigeriano -. Volevo solo diventare calciatore, come i miei idoli Drogba, Obi o Ighalo. Ho fatto tanti sacrifici, ma l’aver potuto aiutare economicamente la mia famiglia li ha ripagati: giocare a questi livelli ora è un vero e proprio sogno”.

    Vincenzo Scarpa

    Ha sollevato un problema rispetto alle periferie di Gragnano, il consigliere comunale Alfonso Cesarano di Forza Gragnano. L'amministrazione comunale di Gragnano, retta dal sindaco Nello D'Auria ha approvato nei giorni scorsi una delibera con la quale si assegna un contributo di 10mila euro a nuove...

    Prossima Partita

    Classifica

    IN PRIMO PIANO

    Ultime Notizie

    Napoli, la rabbia dei tifosi. De Laurentiis chiamato a rifondare la squadra

    Napoli affonda nella delusione dopo la sconfitta casalinga contro l'Empoli. L'amarezza per un anno senza successi dopo lo scudetto è profonda, e l'atteggiamento svogliato di Osimhen e compagni ha fatto guadagnare loro l'indifferenza di una città che solo 12 mesi fa festeggiava il titolo fino a tarda notte. La disillusione colpisce ogni reparto della squadra, che nemmeno il terzo allenatore...