napoli



Un dominante non sente la pressione del Milan e torna in vetta al campionato al fianco dei rossoneri. Al Maradona travolto con il risultato di 3-0 il Bologna: a segno e due volte Insigne su calcio di rigore.

C’è una grande sorpresa nell’undici di partenza scelto da Luciano Spalletti: gioca Elmas e non Zielinski sulla trequarti. Per il resto tutto confermato: Ospina in porta, linea a quattro in difesa con Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; a centrocampo e Anguissa, quindi Lozano e Insigne esterni alle spalle di Osimhen. Mihajlovic sceglie invece il 3-5-2 con qualche scelta obbligata: De Silvestri nei tre di difesa, le carte Vignato e Mbaye a centrocampo alle spalle di Orsolini e Barrow.

ADS

Ritmo più lento per il nei primi minuti di gioco: il Bologna prova a tenere il pallone e a farsi vedere nella metà campo avversaria con personalità. Gli azzurri tengono botta, senza concedere occasioni da gol, e crescono poco a poco. I primi segnali positivi arrivano da un contropiede al 15′: Osimhen, lanciato in campo aperto, serve Insigne, che tenta il tocco sotto a tu per tu col portiere ma viene fermato da Medel, che salva di testa a porta vuota. I rossoblù accusano lo spavento e i partenopei ne approfittano tre minuti dopo: Lozano recupera un buon pallone sulla trequarti, Elmas tocca per Fabian Ruiz e lo spagnolo inventa un gol capolavoro con un sinistro a giro dal limite dell’area. L’1-0 stende gli uomini di Mihajlovic (che chiudono il primo tempo senza tiri in porta) e, prima dell’intervallo, arriva anche il raddoppio: Medel tocca di mano in un contrasto con Osimhen, l’arbitro Serra controlla al VAR e assegna il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Lorenzo Insigne, che batte Skorupski calciando in basso a sinistra: 2-0 e partita praticamente in ghiaccio già al 45′.

LEGGI ANCHE  Avellino, abusi edilizi su fondi agricoli: 7 denunciati

Poche emozioni nella ripresa: il amministra il doppio vantaggio e lascia scorrere il cronometro. Al 60′, poi, il colpo del ko: Di Lorenzo trova Osimhen in area, il nigeriano si avventura in una serpentina fra due difensori e viene sgambettato da Mbaye. Secondo penalty, stesso tiratore (e marcatore): Skorupski intuisce ancora, ma Insigne insacca ugualmente all’angolino per la doppietta e per il 3-0.

La mezz’ora finale regala qualche fiammata di Anguissa (traversa da fuori), di Mertens e del solito Osimhen ma anche del Bologna, a caccia del gol della bandiera. Alla fine il risultato non cambia: gli azzurri portano a casa tre punti in scioltezza, eguagliato il Milan a quota 28 punti in classifica e, soprattutto, fuga su Inter e Juve (rispettivamente a -7 e -13).

Vincenzo Scarpa



Vincenzo Scarpa, studente di Scienze Politiche all'Università di Napoli Federico II. Appassionato di qualsiasi tipo di sport e serie tv, ama scrivere e parlare di calcio

Napoli, è morto l’ex senatore Francesco De Notaris

Notizia precedente

Le pagelle del Napoli: Fabian illumina il Maradona, Insigne glaciale

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..