🔴 ULTIME NOTIZIE :

Ischia, denunciato un uomo appena sbarcato sull’isola

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno controllato in via Iasolino presso la banchina Redentore un uomo appena sceso da un aliscafo proveniente da Napoli; lo stesso è stato trovato in possesso di un telefono cellulare con una sim intestata...
google news

Emergenza brucellosi: a Grazzanise sindaci, operatori terzisti e allevatori in piazza coi trattori

La protesta promossa dalla Copagri a Grazzanise

    “Diverse centinaia di imprese agricole del settore bufalino sono scese oggi in piazza a Grazzanise per chiedere risposte immediate e concrete che possano risolvere la grave problematica della brucellosi, andando al contempo a tutelare un comparto di fondamentale importanza per l’economia della Regione Campania”.

    Lo rende noto la Copagri Caserta, che ha organizzato il presidio di protesta, al quale hanno preso parte numerosi sindaci e amministratori dei comuni limitrofi, oltre a contoterzisti e rappresentanti della filiera. Per la Copagri sono intervenuti il vicepresidente nazionale Pietro Pellegrini e il presidente della federazione di Caserta Salvatore Ciardiello.

    “Crediamo sia arrivato il momento di un cambio di passo nelle attività di contrasto alla brucellosi, che minaccia da tempo la produzione di mozzarella e tutto l’indotto ad essa legato; le vaccinazioni, in particolare, sembrano essere l’unico strumento per limitare la diffusione della malattia, contrariamente all’abbattimento dei bufali sospetti di averla contratta, che sta rischiando seriamente di mettere in ginocchio il settore”, ha sottolineato Pellegrini.

    “È proprio questo il messaggio che abbiamo lanciato in occasione del Tavolo tecnico convocato dal Ministero della Salute a luglio 2021 ed è sempre questo concetto che ribadiremo ai rappresentanti del Mipaaf, che dovremmo incontrare nei prossimi giorni”, ha annunciato il vicepresidente della Copagri.

    “I precedenti piani regionali per il contrasto e l’eradicamento della brucellosi sono falliti miseramente, portando a un solo triste risultato: l’abbattimento di oltre 40mila capi con sospetta infezione, che si sono poi rivelati essere sani nel 90% circa dei casi, causando un evidente danno agli allevatori e all’intera filiera bufalina, che ha pagato dazio con una perdita del 30% circa – ha spiegato Ciardiello – Per tali ragioni, ribadiamo che a nostro avviso per sconfiggere la brucellosi è opportuno utilizzare prioritariamente la profilassi vaccinale; in caso contrario, si rischia di arrecare un danno irreversibile al ciclo produttivo di questo animale e, di conseguenze, all’intero settore, fiore all’occhiello dell’agroalimentare campano”, ha concluso il presidente della Copagri Caserta.


    google news

    LEGGI ANCHE

    Napoli, un coccodrillo che nuota a Mergellina : ecco cosa è successo

    A Napoli è stato avvistato un coccodrillo al largo della Rotonda Diaz e ripreso  anche in alcuni video. Ecco di cosa si tratterebbe secondo...

    Napoli, 7 coltellate all’ex ras del Cavone, Salvatore Alfano

    E' stato attirato in una trappola e ora è ricoverato nel reparto rianimazione dell'ospedale pellegrini di Napoli. Salvatore Alfano, 42enne detto ras del Cavone legato...

    Rissa nel derby tra San Giuseppe e Napoli di Futsal, le immagini della vergogna

    Si è scatenata una violenta rissa nel derby di futsal tra San Giuseppe e Napoli valido per il campionato di serie A. “Abbiamo ricevuto alcuni...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita