Ultrà ucciso, condanna bis per il tifoso del Napoli: quattro anni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Milano. Ultrà Inter morto negli scontri con i tifosi del Napoli: confermata la condanna di primo grado per Fabio Manduca.

E’ stata confermata dalla Corte d’assise di appello di Milano la condanna di primo grado a 4 anni di reclusione per il tifoso napoletano responsabile della morte di Daniele Belardinelli, ultra’ varesino finito sotto un’auto durante gli scontri Inter-Napoli del dicembre 2018, e morto in ospedale per i traumi.

Il collegio (presidente Ivana Caputo e consigliere Franca Anelli) ha accolto la richiesta di pena del sostituto pg Nicola Balice. Durante la sua requisitoria, il rappresentate della procura generale non ha condiviso l’impianto accusatorio dei pm che al 40enne contestavano l’omicidio volontario con dolo eventuale.

    Questo capo d’imputazione era già stato derubricato in quello di omicidio stradale dal gup Carlo Ottone De Marchi il primo dicembre 2020, al termine del giudizio con rito abbreviato.

    Una sentenza che lascia l’amaro in bocca alla famiglia di Belardinelli. A sottolinearlo l’avvocato Gianmarco Beraldo, uno dei legali che si sono costituiti parte civile nel giudizio contro Manduca: “Ce lo aspettavamo, anche perchè la Procura generale non ha seguito la linea dell’appello della Procura e così siamo partiti già in svantaggio”.

    Lo stesso sostituto pg Nicola Balice, infatti, aveva chiesto la conferma della condanna di primo grado, senza ‘coltivare’ l’impugnazione della Procura.

    “Sono dispiaciuto per la vittima e la sua famiglia, non volevo che una persona morisse, quella sera era la mia prima trasferta, non sono un ultrà”. Ha detto Fabio Manduca ai cronisti dopo la sentenza della Corte d’Assise d’appello di Milano. Per Manduca”quella sera si poteva evitare che le due tifoserie venissero a contatto diretto, quella sera e’ successo un casino, era la mia prima trasferta, mi piace il calcio ma non sono un ultra'”. Il suo legale, l’avvocato Eugenio Briatico, ha spiegato che “siamo soddisfatti perchè non è stata riconosciuta l’impostazione della Procura che chiedeva l’omicidio volontario e ribadiremo, invece, in Cassazione le nostre argomentazioni d’appello”. La difesa, infatti, sostiene che manchino le prove per dimostrare che fu Manduca ad investire Belardinelli.

    Se la difesa di Manduca farà ricorso in Cassazione (“ci riserviamo di proporlo”, ha chiarito il suo legale Eugenio Briatico) a quel punto anche i legali delle parti civili potranno essere presenti davanti alla Suprema Corte. Anche le parti civili, infatti, avevano chiesto che la sentenza venisse riformata con il riconoscimento dell’omicidio volontario.

    Manduca è attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune del Napoletano dove risiede.






    LEGGI ANCHE

    Tre omicidi in 10 giorni, maxi blitz a Castellammare e Torre Annunziata

    Tre omicidi in 10 giorni, un fermo e un maxi blitz a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.E' questo il bilancio della recrudescenza di...

    Colpo ai narcos dei Monti lattari: sequestrati 33 chilogrammi di marijuana

    Il sequestro nella strada dove il 19 febbraio scorso fu ucciso il boss Ciro Gargiulo

    Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

    Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

    Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

    Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

    La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

    La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE