Sono stati ricordati oggi a Castel Volturno – chilometro 43 della strada statale Domiziana – i sei ghanesi uccisi dal clan dei Casalesi tredici anni fa, in quella nota come “strage di San Gennaro”; un settimo, Joseph Ayimbora, fu ferito ma testimonio’ con coraggio e mori’ qualche anno dopo per cause naturali (ha ricevuto la medaglia d’oro al valor civile dal Presidente della Repubblica).

Per la mattanza sono stati condannati con sentenze definitive i responsabili, ovvero il capo dell’ala stragista del clan dei Casalesi Giuseppe Setola e i suoi sicari, protagonisti l’anno della strage, il 2008, di una stagione di sangue nel Casertano con 18 morti in pochi mesi, tra cui, oltre i ghanesi, anche parenti di pentiti del clan e imprenditori che avevano denunciato gli estorsori dei Casalesi, come Domenico Noviello e Antonio Celiento, ammazzato la sera in cui furono trucidati i ghanesi.

ADS

L’iniziativa odierna, promossa dal Centro Sociale ex Canapificio, dalla Caritas, dal Centro Fernandes, dai Comboniani, da e dal Movimento dei Migranti e dei Rifugiati, e’ stata intitolata “Non temiamo il presente perche’ siamo saldi nella memoria” e si e’ sviluppata attraverso una preghiera interreligiosa e diversi interventi che hanno ricordato che tanti immigrati, ancora oggi, si riconoscono nelle vite di quei “sei fratelli caduti”.

Come oggi tanti immigrati, analogamente ai sei uccisi (Kwame Julius Francis, Affun Yeboa Eric, El Adji Ababa, Jeemes Alex, Samuel Kwako e Christopher Adams), sopravvivono tra vari lavori precari nell’edilizia, in agricoltura, senza poter contare su percorsi di formazione professionalizzanti. “Tanti di noi – dice Mamadou Kouassi – come i nostri sei fratelli trucidati, hanno un permesso di soggiorno precario o non ce l’hanno affatto.

Discriminati da leggi come i decreti Salvini, che qui sul litorale hanno fatto perdere il permesso di soggiorno a 2000 persone rendendole piu’ precarie e sfruttabili. Oggi nella loro memoria vogliamo dire che che lotteremo per fare si’ che tutti possano avere accoglienza, un permesso di soggiorno per protezione speciale perche’ il diritto al soggiorno e’ il primo passo per l’autonomia e per poter contribuire a migliorare non solo le nostre singole esistenze ma quella di tutto il litorale domitio.

LEGGI ANCHE  'Authentics', il nuovo album di Entics

Abbiamo bisogno di fiducia e di diritti concreti”. C’e’ stata poi la preghiera interreligiosa guidata dai Missionari Comboniani, dai Pastori e dall’Imam. Era presente il senatore Sandro Ruotolo (Gruppo MIsto), che ha lanciato la proposta di fare diventare quella del 18 settembre una data nazionale per ricordare tutte le vittime di razzismo in Italia; la proposta ha trovato il sostegno del sindaco di Casal di Principe Renato Natale, presente alla cerimonia. Sono intervenuti anche i rappresentanti della Prefettura e della Questura di Caserta, il vicesindaco di Castel Volturno, Libera Campania, l’associazione antiracket di e il Comitato don Peppe Diana.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Carinola, sorpreso dai carabinieri con 470 grammi di hashish e 412 grammi di marijuana: arrestato

Notizia precedente

Ricatta uomo per rapporti omosessuali, arrestato 17enne

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..