Napoli, l’odissea di Ferdinando e di tutti i disabili per accedere agli uffici della I municipalità

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, Europa Verde: “In tanti anni non sono stati capaci di trovare soluzioni ideone per i disabili. Vergognoso”

Sembra incredibile eppure le barriere architettoniche sono presenti anche e soprattutto nelle sedi delle amministrazioni cittadini. A Napoli accade, ad esempio, che gli uffici della Municipalità I rappresentino un traguardo irraggiungibile per le persone in carrozzella che per accedere all’edifico dovrebbero scendere dalla carrozzella, salire le scale, citofonare per farsi aprire il portone e prendere quella che dovrebbe essere una sorta di rampa.

La situazione è stata documentato dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e da quelli municipale Benedetta Sciannimanica e Gianni caselli, che assieme ad alcuni attivisti Verdi, hanno accompagnato il sig. Ferdinando, diversamente abile, in una vera odissea per poter raggiungere l’ufficio anagrafe.

    “Davvero vergognoso, non ci sono parole. In 25 anni di amministrazione monoblocco di questa Municipalità nessuno ha mai pensato di dover eliminare le barriere architettoniche e trovare soluzioni ideone a rendere l’accesso più agevole ai disabili. Il meglio che le loro menti hanno saputo concepire è questo rampetta di legno che la si può ottenere dopo aver salito le scale e citofonato. Soluzione che andrebbe bene se si parlasse di finti disabili…Quando si comincerò cambiare le cose?”-le parole di Borrelli, Sciannimanica e Caselli.






    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE