Napoli, “E’ morta e io l’ho fatta a pezzi”, la confessione choc del figlio assassino di Pianura

SULLO STESSO ARGOMENTO

“E’ morta per cause naturali, poi l’ho fatta a pezzi”. Eduardo Chiarolanza, l’assassino di Pianura la prima incredibile confessione sul macabro omicidio della mamma Eleonora Di Vicino l’ha fatta al telefono al fratello.

Poi l’ha confermata il giorno dopo al termine di un lungo interrogatorio ai carabinieri. E ora si aspetta la conferma davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia, dopo aver trascorso la sua prima notte in carcere. Interrogatorio che avverrà dopo il confronto con il suo avvocato.

Intanto emergono alcuni particolari sulla sua confessione- che come anticipa Il Roma- ha fatto per primo al fratello che vive a Parma. L’uomo che voleva salutare la mamma al telefono aveva ricevuto una gelida risposta dal fratello Eduardo: “Non piò rispondere perché è morta e io l’ho fatta a pezzi”.

    L’uomo si è messo in auto e quando è arrivata in via Montagna Spaccata a Pianura non ha trovato la mamma in casa. Ha capito allora, il fratello diceva la verità. E’ andato dai carabinieri a denunciare tutto. Sono partite le ricerche: Eduardo Chiarolanza è stato fermato e poi ha confessato. “Sono stato io a fare a pezzi mia madre, troverete il corpo in un curvone di via Marano-Pianura”.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, in carcere il figlio assassino di Pianura

    E, purtroppo, così è stato. Ma gli investigatori hanno trovato solo parte del corpo di Eleonora Di Vicino, erano in un bustone di Ikea. Si cercano altre parti e si cerca soprattutto la testa. Intanto mentre le indagini continuano per capire se l’uomo sia stato aiutato da qualcuno.






    LEGGI ANCHE

    Vandali lanciano sasso contro autobus a Bacoli, nessun ferito

    Un recente episodio di vandalismo ha colpito nuovamente i mezzi di trasporto pubblico nella serata di ieri, nel Comune di Bacoli, situato nella provincia...

    Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

    Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

    San Tammaro, sequestrato autocarro con rifiuti pericolosi

    Operazione delle forze dell'ordine nel comune di San Tammaro (CE) ha portato al sequestro di un autocarro Fiat Iveco sospetto di trasporto illegale di...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE