Malato terminale di cancro, l'appello di Ciambriello



Caserta. Malato di cancro resta in carcere: l’appello del Garante dei detenuti della Campania, Samuele Ciambriello.

Ciambriello si è recato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, dove ha incontrato, nel reparto accoglienza – infermeria, diversi detenuti con malattie oncologiche sottoposti a chemioterapia, tra i quali Giovanni C..

L’uomo, ha riferito Ciambriello, è stato dimesso dall’ospedale Cardarelli di Napoli il 16 luglio scorso dopo un mese di degenza, con la dicitura “la prognosi del paziente è infausta e l’exitus può accadere in qualsiasi momento per la comparsa di complicanze non prevedibili”.

Diverse volte, anche dall’ospedale di Sessa Aurunca, l’uomo “è stato rimandato indietro perche’ non in grado di gestire la sua condizione”, sottolinea il garante.

Dalla Direzione sanitaria del carcere di Santa Maria Capua Vetere, il 19 luglio, è stato poi inoltrata alla Corte di Assise d’Appello (IV sezione), una ulteriore dichiarazione di incompatibilità, che non ha avuto per ora riscontro. “Ancora oggi – ha affermato Ciambriello – mi chiedo come mai non gli vengano concessi gli arresti domiciliari presso l’abitazione della sorella. E’ uno dei pochi casi in Campania in cui l’incompatibilità con il sistema carcerario è stata dichiarata tale da piu’ strutture pubbliche. Il diritto alla salute è incompatibile con la permanenza in carcere, per Giovanni C. in primis e per tutti coloro che versano in condizioni fisiche precarie. C’e’ bisogno di strutture di accoglienza, anche e soprattutto per i detenuti che non hanno supporto familiare. Insomma la pena non puo’ configurarsi come vendetta. Chi è incompatibile con il carcere, deve uscire dallo stesso, ma non da morto”.

LEGGI ANCHE  'Regine di Cuori e Inganni d’Autunno', il libro di Eleonora Belfiore

Il Garante ha poi continuato la sua visita ascoltando una delegazione di detenute del reparto Senna (Alta Sicurezza) , ed ha incontrato i responsabili e i 20 ristretti dell’articolazione psichiatrica nel reparto Nilo.


Google News

Scafati, allagamenti. IpS: ‘Non si può andare avanti per spot e improvvisazioni’

Notizia precedente

Nuovi reperti archeologici dai fondali marini di Amalfi

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..