Procida, Legambiente Campania e LESS Onlus con i piccoli migranti per promuovere la tutela dell’ambientembiente

SULLO STESSO ARGOMENTO

Procida. Laboratori per la raccolta differenziata e per il riutilizzo di materiali riciclati e la manipolazione della terra. In generale, per favorire un uso più consapevole degli elementi naturali e incoraggiare stili di vita sostenibili.

Così, per tutto il mese di luglio, Legambiente Campania e LESS Onlus hanno dato vita al progetto “Procida: L’isola che vorrei”, i cui destinatari sono stati 20 beneficiari tra mamme e bambini coinvolti nel progetto SPRAR A.I.D.A. del Comune di Procida con LESS Cooperativa Sociale quale ente gestore, famiglie monoparentali di migranti inserite nel tessuto sociale dell’isola.La collaborazione è nata con l’obiettivo di favorire la condivisione di esperienze che rafforzassero i valori di solidarietà e favorissero ulteriormente integrazione e socializzazione, attraverso azioni volte a rafforzare la tutela dell’ambiente.

Alla fine del percorso laboratoriale l’associazione giovanile “Procida coraggiosa” ha donato ai beneficiari – insieme ai piccoli migranti anche tanti bimbi procidani – borracce termiche, oggetto simbolo di una iniziativa green che favorisce l’abbandono di acqua venduta in bottigliette di plastica presso bar, lidi e ristoranti, a favore dell’erogazione alla spina. Le borracce donate sono state generosamente offerte dai commercianti che hanno aderito all’iniziativa (che si chiama “acquaFREEsca”), volta ad abbattere sensibilmente i rifiuti derivanti da bottigliette d’acqua in PET, in particolare nel periodo estivo, con l’isola presa d’assalto dai turisti.

    I commercianti che aderiscono all’iniziativa si sono già impegnati a vendere acqua erogata alla spina a un prezzo simbolico, sensibilmente inferiore rispetto a quello della stessa quantità in bottiglia di PET. Ai clienti che non hanno la propria borraccia vengono proposte – con costi particolarmente convenienti – coloratissime borracce termiche in acciaio brandizzate con il logo dell’attività e dell’associazione, interamente composta da ragazzi procidani con competenze diversificate e le cui attività abbracciano il sociale, la formazione e l’ambiente.






    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE