campania



Parte, il 3 settembre, il “Campania by Night“, progetto di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale che prevede una serie di appuntamenti serali presso i siti del Parco archeologico di Pompei, Villa Arianna e Villa San Marco a Stabia, Villa di Poppea a Oplontis e Villa Regina a Boscoreale e il Museo archeologico di Stabiae Libero D’Orsi,

Venerdì 3 e sabato 4 settembre presso Villa San Marco visita teatralizzata “Stabiae Liberata – Libero Sopra“, dedicata alla figura di Libero D’Orsi.

A partire dalla storia personale del celebre preside di Castellammare appassionato sin da bambino al mondo dell’archeologia, fino alla sua riscoperta di Stabiae. Gli anni della scuola, l’eruzione del 1906, i soccorsi agli sfollati, il suo percorso di formazione, il ‘perdersi’ e il suo peregrinare per vent’anni di scuola in scuola in giro per l’Italia e il suo ‘ritrovarsi’ con il ritorno a Stabia e il compimento del suo destino, della sua impresa.

Venerdì 10 e sabato 11 settembre sarà invece la volta di Villa Arianna con la visita teatralizzata “Stabiae Liberata – Libero Sotto“. Lo spettacolo sarà incentrato sull’uomo Libero D’Orsi più che sulle sue vicende: l’uomo di lettere e filosofia quale era il D’Orsi. Il tema stesso della villa, il mito di Arianna e il Labirinto ci daranno la chiave di lettura del suo destino, saranno lo specchio che riflette sotto altra luce la sua storia, svelando così la poesia preziosamente racchiusa nella sua anima, spirito guida della sua esistenza.

A Oplontis (Torre Annunziata), dal 5 settembre e per i due sabato successivi (11 e 18 settembre) visita guidata alla Villa di PoppeaLe memorie di Oplontis” a cura di Vincenzo Liguori, con l’ausilio di app, smartphone e QR codes a cura di ShowLabs.

LEGGI ANCHE  Quartieri di Napoli, musica ad alto volume: multe per 23mila euro

I visitatori saranno accompagnati da un esperto Cicerone all’interno della maestosa villa, attribuita alla seconda moglie di Nerone. Ma, come per ogni viaggio nel tempo che si rispetti, ci sarà bisogno di una macchina del tempo supportata dalle moderne tecnologie: un’applicazione che funge da mappa in questa immensa e labirintica Villa. Per questo evento è necessario disporre di uno smartphone con connessione a internet e con un QR reader.

Visite alla Villa Regina di Boscoreale e a seguire il concerto di Giuseppe Di Capua con Marina Bruno e Peppe Lapusata a partire da domenica 12 settembre, e i successivi 19 e 26 settembre. Dopo la visita a cura di un archeologo all’antica fattoria romana tra gli ambienti dedicati alla trasformazione dei prodotti agricoli, con particolare predilezione per la vinificazione, ed alla loro conservazione, un’immersione nella musica napoletana ricca di teatralità e dalle melodie indimenticabili con Parthenoplay.

L’1, 2, 8, 9 ottobre presso il Museo Archeologico di Stabiae Libero D’Orsi visite teatralizzate dal titolo “Storie di uomini“, con attori che racconteranno e interpreteranno le storie degli uomini che hanno abitato le ville di età romana dell’antica Stabiae, mediante le testimonianze scritte e le suggestioni dei reperti esposti lungo il percorso di visita. Il Museo custodisce numerosi reperti, alcuni mai esposti prima in Italia, tra affreschi, pavimenti in opus sectile, stucchi, sculture, terrecotte, vasellame da mensa, oggetti in bronzo e in ferro, in parte già ospitati nell’Antiquarium stabiano, allestito nel centro cittadino da Libero d’Orsi e chiuso al pubblico dal 1997.


Google News

Covid in Campania, tasso di incidenza al 4,02%

Notizia precedente

De Luca: Campania prima in Italia per immunizzazione personale scolastico

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..


Ti potrebbe interessare..