Al Rione Luzzatti incendia casa e aggredisce gli agenti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Al Rione Luzzatti incendia casa e aggredisce gli agenti. Denunciato.

Ieri pomeriggio gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in piazza Francesco Coppola per la segnalazione di fumo proveniente da un appartamento all’interno di un palazzo.

Al Rione Luzzatti incendia casa e aggredisce gli agenti

I poliziotti, una volta sul posto, con il supporto di personale dei Vigili del Fuoco hanno messo in sicurezza l’area e hanno accertato che l’incendio era stato appiccato da un uomo che, alla loro vista, ha iniziato a dare in escandescenze minacciandoli e aggredendoli con un coltello a serramanico e con un’asta in acciaio fino a quando, con non poche difficoltà, è stato bloccato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHESgominata banda falsari: sequestrate 230mila calzature

    A.B.,70enne napoletano con precedenti di polizia, è stato denunciato per danneggiamento a seguito di incendio, minacce, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni.






    LEGGI ANCHE

    Voragine al Vomero: aperta un’inchiesta

    Sarà l'inchiesta della magistratura ad eccertare le cause ed eventuali responsabilità sulla voragine che questa mattina, in via Morghen al Vomero, si è aperta...

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE