Procura Benevento
______________________________

Sequestrati 352 pini dalla Procura Benevento
La Procura ha sequestrato in via preventiva 352 alberi di pino a Benevento “per il pericolo che si procedesse ad abbattimenti generalizzati, come previsto dalla delibera di giunta comunale n. 41/2020 , senza i previsti presupposti e le necessarie previste autorizzazioni”.

La querelle va avanti gia’ da alcuni mesi: da un lato l’amministrazione comunale, guidata da Clemente Mastella che, forte del parere dei suoi tecnici, con la giunta aveva deciso il taglio di alcuni pini per garantire la sicurezza e l’incolumita’ pubblica lungo i viali principali della citta’, e dall’altro alcun comitati che si erano opposti ricorrendo anche alla magistratura.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Legambiente: ‘Atto grave e criminale plauso alla Procura di Benevento. Un segnale chiaro e forte contro chi è stato colto con  “le mani nell’Acqua’ 

Oggi – come si legge in una nota del procuratore Aldo Policastro – a seguito di un’articolata attivita’ di indagine, coordinata dalla Procura, la GdF ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di 352 pini esemplari, in viale Atlantici, via Pacevecchia e via F.lli Rosselli, per le ipotesi di reato, in concorso, “di violazione della vigente normativa a tutela dei beni culturali e del paesaggio, aggravata dall’aver commesso il fatto con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti a una pubblica funzione e a un pubblico servizio) nonche’ di distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto”.

LEGGI ANCHE  Due morti e nuovo boom di contagi covid a Torre Annunziata e Torre del Greco

Il provvedimento nell’ambito del procedimento penale che vede indagati un dirigente e un funzionario del Comune perche’, secondo l’ipotesi accusatoria, “abbattevano, in assenza di autorizzazione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Benevento e Caserta, alcuni pini domestici radicati in zona soggetta a vincolo di tutela”.

“Il provvedimento di sequestro si e’ reso necessario “a tutela dell’ecosistema protetto dal vincolo culturale e paesaggistico, per il pericolo che si procedesse ad abbattimenti generalizzati, come previsto dalla delibera n. 41/2020 , senza i previsti presupposti e le necessarie previste autorizzazioni come nel caso che ci occupa. Il sequestro e’ con facolta’ d’uso per il comune di Benevento ai fini degli interventi di ordinaria ovvero straordinaria manutenzione debitamente documentati”.


Di Chiara Carlino

San Giorgio beni confiscati: quarto appartamento consegnato ad una famiglia in emergenza abitativa

Notizia Precedente

Terra dei Fuochi: controlli di Esercito e vigili, fermati 8 veicoli, multe per oltre 2900 euro

Prossima Notizia



Ti potrebbe interessare..