Seguici sui Social

Caserta e Provincia

Piantagione cannabis nella serra da 100mila euro: arrestato coltivatore 27enne

Piantagione cannabis nella serra a Teano, arrestato coltivatore dai finanzieri


PUBBLICITA

Pubblicato

il

Piantagione cannabis nella serra

Piantagione cannabis nella serra da 100mila euro: arrestato coltivatore 27enne

Teano. Nei giorni scorsi, i finanzieri della Tenenza di Sessa Aurunca, hanno individuato e sottoposto a sequestro 10 piante di cannabis, all’interno di un terreno situato in contrada San Giuliano del comune di Teano.

Le piante, delle dimensioni di circa 2 metri, erano pronte per essere raccolte e messe in lavorazione per la produzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana quantificabile nell’ordine dei 12 kg, per un valore sul mercato dello spaccio illegale pari a oltre 100 mila euro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Cannabis al posto dei pomodori nella serra: sequestrate 400 piante

LEGGI ANCHE  Torre Annunziata, il sindaco sospende l'attività didattica in presenza fino al 9 gennaio

Arrestato in flagranza di reato e posto agli arresti domiciliari dal GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta dalla Procura, il titolare del terreno, un ventiseienne di Teano, il quale gestiva una attività d’impresa, attuata mediante impianto di coltivazione con tanto di serra, sistema di irrigazione e concimatura del terreno nonché dotata di quanto necessario per il successivo confezionamento della sostanza stupefacente prodotta.

Piantagione cannabis nella serra

Piantagione cannabis nella serra

Il servizio s’inserisce nel quadro delle attività di controllo economico del territorio e di contrasto ai traffici illeciti svolto dalla Guardia di Finanza.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Caserta

Lido abusivo scoperto a Mondragone

Oltre due chilometri quadrati di spiaggia a #Mondragone occupati abusivamente da uno stabilimento balneare totalmente privo di autorizzazioni amministrative

Pubblicato

il

mondragone

Mondragone. Oltre due chilometri quadrati di spiaggia occupati abusivamente da uno stabilimento balneare totalmente privo di autorizzazioni amministrative: e’ quanto hanno scoperto sul litorale del comune di Mondragone gli uomini della Guardia Costiera di Mondragone e della polizia locale, la prima impiegata nell’ambito delle attivita’ di “Mare sicuro”.

I militari hanno scoperto che il lido aveva occupato la spiaggia attraverso l’installazione di 33 pedane in pvc nonche’ 121 ombrelloni con i supporti fissi e tavolini. Tutto il materiale e’ stato immediatamente rimosso e il “titolare” dell’attivita’ e’ stato denunciato alla Procura di Santa Maria Capua Vetere

Continua a leggere
longobardi logo