Otto ballerini italiani quarantena in Spagna

SULLO STESSO ARGOMENTO

Otto ballerini italiani quarantena in Spagna. Tra loro anche alcuni napoletani.

Sono tutti di età compresa tra i 22 e 25 anni e sono stati forzatamente messi in quarantena nelle loro rispettive stanze in un hotel a Ibiza, perché risultati positivi al Covid 19 con sintomi, senza alcun tipo di assistenza sanitaria.

A renderlo noto è il Comitato Cura Domiciliare Covid-19, a cui si sono rivolti.

Otto ballerini italiani quarantena in Spagna

Otto ballerini italiani quarantena in Spagna

    “I giovani, scritturati dalla compagnia italiana di danza e spettacolo “4 Fun” per l’animazione in un hotel sull’isola spagnola – chiarisce una nota – hanno spiegato di aver effettuato tamponi rapidi senza che sia intervenuto alcun medico o autorità spagnola o italiana”.

    Otto ballerini italiani quarantena in Spagna

    “Sono stati presi in carico dal nostro comitato, come già avvenuto per i cluster a Malta”, ha spiegato il Presidente del Comitato Erich Grimaldi, “con il supporto di tre medici, alcuni professionisti sanitari e dei farmacisti”, è stato avviato un “confronto con i colleghi locali onde poter reperire i farmaci”.

    Un referente dell’albergo è in contatto con il Comitato per acquisto e consegna dei farmaci. Nei giorni scorsi il Comitato ha già ricevuto altre richieste di aiuto da Barcellona.

    Otto ballerini italiani quarantena in Spagna

    “Continua ad emergere l’incapacità della sanità territoriale, italiana ed estera, di fare fronte con tempestività al supporto dei malati Covid”, ha spiegato Grimaldi, “appare evidente quanto il lavoro, serio, scientifico dei nostri medici, stia facendo enorme differenza nonostante il Ministro della Salute Speranza continui ad ignorarlo”, così come “ha ignorato il voto del Senato dello scorso 8 aprile”, ha aggiunto il presidente del Comitato, “con cui è stato specificatamente richiesto che i nostri medici fossero coinvolti in un tavolo per la redazione di un protocollo di cura domiciliare precoce”.

     TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Chiesto l’ergastolo per il marito assassino di Fortuna Bellisario






    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE