dieta mediterranea pioppi



Si apre oggi e durerà fino al 10 settembre 2021, con 40 giorni di eventi, il Festival della Dieta Mediterranea di Pioppi.

Oggi che l’umanità ha consumato tutte le risorse rinnovabili che la terra produce in un anno, la rassegna sarà occasione per affrontare la discussione su come l’alimentazione può contribuire a ripristinare gli equilibri del Pianeta. Riconosciuta dall’Unesco come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, la Dieta Mediterranea è un esempio di sostenibilità, un vero e proprio stile di vita che fa bene alla salute ed è in grado di attivare anche benefici sociali, economici e ambientali.

La pandemia ha evidenziato l’urgenza di modificare le nostre priorità – commenta Valerio Calabrese Direttore dell’Eco Museo della Dieta Mediterranea – Il festival è un momento di riflessione necessario per attivare i giusti ragionamenti e le buone pratiche affinchè il metodo Cilento diventi la nostra normalità. Non è più tempo infatti di rimandare”.

L’International Foundation of Mediterranean Diet ha identificato quattro vantaggi della Dieta Mediterranea: il miglioramento della salute, il minor impatto ambientale e la difesa della biodiversità, l’alto valore socio culturale e gli effetti positivi sull’economia locale. Questa dieta infatti predilige il consumo di verdura, frutta, cereali (preferibilmente integrali), fonti di proteine vegetali (legumi), frutta secca e l’utilizzo di olio di oliva; prevede un basso consumo di carne, uova, pesce, latte e suoi derivati; valorizza la stagionalità dei prodotti freschi e locali, la varietà dei cibi; riconosce le tipicità gastronomiche tradizionali; favorisce il senso di comunità e coinvolge le economie locali.

Il festival è organizzato con la collaborazione del Future Food Institute, della cooperativa Minnelea, del Centro Studi Dieta Mediterranea “Angelo Vassallo” e con il patrocinio di Regione Campania, Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Slow Food e Ordine dei Tecnolgi Alimentari di Campania e Lazio; si avvale inoltre delle partnership di Alma Seges, Sole 365 e Grimaldi Energia,.

Promossa da Legambiente Onlus e dal Comune di Pollica con il patrocinio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, la manifestazione giunta alla sua sesta edizione, comprenderà incontri, dibattiti, showcooking, spettacoli teatrali per bambini, concerti musicali all’alba, escursioni e tante altre attività. Gli eventi hanno come base principale il Palazzo Vinciprova di Pioppi, sede del Museo Vivente della Dieta Mediterranea e del Museo Vivo del Mare, ma quest’anno si estendono ad altri luoghi suggestivi del Cilento, come il Castello Capano di Pollica, il parco archeologico di Velia e fino ad una puntata nel borgo di Marina di Camerota.

Turisti ed esperti del settore avranno così la possibilità di incontrarsi per discutere del valore scientifico della Dieta Mediterranea, dal 2010 patrimonio Unesco, quale modello nutrizionale che sembra porsi come risposta anche alla sfida economica globale che si sta giocando sul fronte dell’agroalimentare. L’industria alimentare, con quella del packaging sono i principali attori della battaglia intrapresa per favorire una nuova agricoltura, nuove tecniche, la tutela della biodiversità, la sensibilizzazione ad una nutrizione sana e per la difesa del pianeta.

Il programma di questa sera

La rassegna si aprirà oggi, venerdì 30 luglio alle 19,30 nel Salone di Palazzo Vinciprova con il vernissage della mostra di disegni “Le ricette della Tradizione. La Dieta Mediterranea in Tavola” a cura dei ragazzi del Centro socio educativo “La Casa dei Cristallini” di Napoli, promossa da Sole 365 e Università Federico II di Napoli.

LEGGI ANCHE  Il Garante detenuti della Campania: 'Affrontare il problema covid nelle carceri'

Alle 20,30 ci si sposterà nel bellissimo giardino sul mare di Palazzo Vinciprova per l’apertura ufficiale del Festival con la partecipazione di Valerio Calabrese, Direttore Museo Vivente della Dieta Mediterranea; Stefano Pisani, Sindaco di Pollica; Mariateresa Imparato, Presidente Legambiente Campania; Raffaele Sacchi, Direttore Corso di Scienze Gastronomiche Mediterranee dell’Università Federico II di Napoli; Aristide Valente, Presidente OP Alma Seges; Antonio Apuzzo, Direttore commerciale Sole 365; Sara Roversi, Future Food Institute; Maria Manuela Russo, Vice Presidente Ordine Tecnologi Alimentari di Campania e Lazio.

Seguirà poi alle 21.30 la presentazione del libro del giornalista Luciano Pignataro “Il metodo Cilento, i 5 segreti dei centenari”. con la partecipazione di Alfonso Sarno, giornalista; Andrea De Simone, scrittore; Annamaria Cascone, imprenditrice agricola e Stefania De Pascale, docente di Agraria dell’Università Federico II di Napoli.

A chiudere la serata le note del terzetto jazz manouche “Eletric Django”, ispirate al grande Django Reinhardt, con Cyranó Vatel, chitarra; Vittorio Solimene, organo hammond; Laura Klain, batteria.
Il Festival aderisce alla rete di Festambiente.net, si ispira ai principi della sostenibilità e ne attua le buone pratiche attraverso la compensazione delle emissioni di CO2, procedendo alla piantumazioni di nuovi alberi e preferendo l’uso di materiali biodegradabili.

Per tutti gli eventi si garantisce il rispetto delle disposizioni sanitarie e di sicurezza definite dalle misure anti Covid.

Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea

Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea di Pioppi, collocato al primo piano di Palazzo Vinciprova, è gestito, insieme al Museo Vivo del Mare, da Legambiente, e fa parte della rete dell’Ecomuseo della Dieta mediterranea. Il Museo Vivente della Dieta Mediterranea è il principale tributo di Pioppi ad Ancel Keys. Proprio nella località cilentana, infatti, lo scienziato statunitense portò avanti per oltre 40 anni gli studi sulla Dieta mediterranea, che nel 2010 ha ottenuto dall’Unesco il riconoscimento di Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

L’Ecomuseo di Pioppi è dedicato alla memoria dello scienziato americano Ancel Keys, che per primo scoprì i benefici dell’alimentazione e dello stile di vita cilentano sulla salute (stile da egli stesso ribattezzato Dieta Mediterranea).
Ancel Keys ha avuto per oltre 40 anni un legame indissolubile con la comunità di Pioppi, dove da tutti era considerato un concittadino speciale. A Pioppi ha voluto prima stabilirsi per lunghi periodi e poi tornare il più possibile negli ultimi anni della sua lunga vita, trascorsa tra gli Stati uniti e il Cilento.

Home

Tanti gli appuntamenti da non perdere, come i concerti di musica classica all’alba, ogni domenica mattina di agosto dalle ore 6 sulla spiaggia antistante il Castello; le due serate dedicate a Dante, il sommo poeta, padre della lingua italiana, a settecento anni dalla sua nascita e la due giorni dedicata ai vini biologici campani con il Premio Regionale “Vigna Bio”. Troverà spazio anche il benessere fisico con gli incontri “Flex and Mobility Mornign” ogni domenica e giovedì alle 7 del mattino. Diversi anche gli ospiti di prestigio, come l’ex missi Italia Daniela Ferolla, il poeta Franco Arminio, l’attore Lucio Allocca, il professore Donato GReco, membro del CTS, l’imprenditore Roberto Esposito e l’etnografo digitale Alex Giordano.

 


Google News

La giornalista Monica Cito minacciata dai clan di Brusciano

Notizia precedente

Lalla Esposito omaggia Domenico Modugno con il suo ‘Concerto Blu’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..


Ti potrebbe interessare..