Draghi nel carcere di Santa Maria: applausi e ‘indulto’ dai detenuti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Draghi nel carcere di Santa Maria tra applausi, ‘indulto’ e l’annuncio della riforma del sistema carcerario: il presidente condanna le violenze e elogia la Penitenziaria.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è arrivato – poco dopo le 16 di oggi pomeriggio – a Santa Maria Capua Vetere, in visita al carcere ‘Francesco Uccella’, penitenziario al centro dell’inchiesta sugli scontri della primavera del 2020 nella quale sono contestati ai vertici della struttura e agli agenti penitenziari i reati di violenza e tortura.

Draghi nel carcere di Santa Maria

Draghi nel carcere di Santa Maria

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Violenze in carcere, la ministra Cartabia sospende i 52 indagati



    Pochi minuti dopo è arrivata anche la ministra della Giustizia, Marta Cartabia. All’esterno della struttura tanti giornalisti e un ingente dispiegamento di forze dell’ordine. L’inchiesta, che ha portato a 52 misure cautelari nei confronti dei poliziotti che dovranno rispondere di torture, maltrattamenti e falso, è partita in seguito alle denunce, da parte di alcuni detenuti, di violenze avvenute nei loro confronti come “punizione” per la rivolta scoppiata il 6 aprile 2020 a seguito di alcuni casi di positività al Covid in carcere.

    Dal carcere si ode l’urlo dei detenuti: “Draghi, Draghi. Indulto, Indulto”.

    “Draghi, Draghi. Indulto, Indulto” urlano i detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere, durante il giro nei padiglioni della casa circondariale che il presidente del Consiglio sta facendo, insieme al ministro della Giustizia Cartabia.

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    Nell’atrio della struttura dove è stata allestita una postazione per un punto con la stampa al termine della visita si sentono dai vari padiglioni del carcere anche applausi dei detenuti presidente del Consiglio.

    Al termine della visita nei reparti il presidente del Consiglio Mario Draghi ha tenuto una conferenza stampa. “Oggi non celebriamo trionfi o successi, ma siamo qui ad affrontare le conseguenze delle nostre sconfitte. Venire qui oggi significa guardare da vicino, di persona per iniziare a capire”. Ha detto dopo aver visitato il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    “Vogliamo guardare di persona per iniziare a capire perche’ quanto visto ha scosso la coscienza degli italiani ed anche dei colleghi della Polizia penitenziaria che lavorano con fedeltà”. Le indagini “stabiliranno la responsabilità personale, ma la responsabilità collettiva è di un sistema che va riformato. Non può esserci giustizia dove c’è abuso. E non puo’ esserci rieducazione dove c’è sopruso”.

    La Polizia penitenziaria, “in grande maggioranza, rispetta i detenuti, la propria divisa, le istituzioni”. Ha aggiunto Draghi. Agli uomini e le donne della Polizia penitenziaria “va il più sentito ringraziamento del governo e il mio personale”.

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    Draghi nel carcere di Santa Maria

    “L’Italia è stata condannata due volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per il sovraffollamento carcerario. Ci sono quasi tremila detenuti in più rispetto ai posti letto disponibili. Negli istituti campani sono circa 450. Sono numeri in miglioramento, ma comunque inaccettabili – ha aggiunto Draghi – Ostacolano il percorso verso il ravvedimento e il reinserimento nella vita sociale, obiettivi più volte indicati dalla Corte Costituzionale”.

     


    Torna alla Home


    Arbitri Serie A: a Colombo il derby tra Milan e Inter, Manganiello dirige il Napoli

    Il tanto atteso derby milanese tra Milan e Inter, che potrebbe decretare lo scudetto per i nerazzurri, sarà diretto da Andrea Colombo. Il posticipo della 33esima giornata, in programma lunedì alle 20.45 a San Siro, vedrà il fischietto della sezione di Como guidare la sfida tra le due squadre...

    La denuncia di Confesercenti Campania: “Il mercato del falso sottrae 200 milioni di euro all’anno alle attività in regola”

    Confesercenti Campania alza la voce contro la contraffazione diffusa nel commercio, un fenomeno che provoca ingenti danni alle attività commerciali che pagano le tasse, rispettano le leggi e vendono prodotti in regola. Secondo il centro studi di Confesercenti Campania, si stima che il mercato del falso eroda a Napoli circa...

    Fondazione Banco Napoli: visita console Usa per portare il museo negli States

    Napoli e Stati Uniti ancora più vicini. Domani alle 12 a Palazzo Ricca, sede della Fondazione Banco Napoli, è in programma la visita istituzionale della Console Generale USA a Napoli Tracy Roberts-Pounds, che potrà ammirare il capolavoro di Caravaggio in mostra “La presa di Cristo” e il museo dell’archivio...

    Clamoroso a Barcellona: tifosi blaugrana prendono a sassate il bus della propria squadra scambiandolo per quello del PSG

    Momenti di tensione ieri sera a Barcellona prima della semifinale di ritorno di Champions League tra i blaugrana e il Paris Saint-Germain. Un malinteso tra i tifosi della squadra catalana ha causato un episodio spiacevole: credendo di bersagliare il bus della squadra avversaria, hanno invece colpito con sassi, fumogeni...

    Scoperto il tariffario della malavita romana dettato dal boss napoeltano Michele Senese o’ pazzo

    Eccolo il tariffario della malavita romana scoperto dagli investigatori che hanno fatto luce su una serie di omicidi eccellenti voluti nella maggior parte dei casi dal boss napoletano Michele senese detto 'o pazzo. Dai 40mila euro per un omicidio "Normale" ai 150mila per uccidere uno eccellente come il narcotrafficante albanese...

    IN PRIMO PIANO