Seguici sui Social

Cronaca

Ariano Irpino, detenuto morde agente penitenziario

E’ accaduto durante la protesta nella struttura penitenziaria. La denuncia del Sappe: “Un detenuto morde agente penitenziario al mento”


PUBBLICITA

Pubblicato

il

santa maria

Momenti di tensione nel carcere di Ariano Irpino in provincia di Avellino dove un detenuto morde agente penitenziario al mento.

Un sovrintendente della Polizia penitenziaria del carcere di Ariano Irpino ha dovuto farsi ricorso alle cure mediche perché e’ stato aggredito da un detenuto, che lo ha morso al mento. Lo ha reso noto il Sappe ( Sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria). Il sovrintendente e’ stato medicato al Pronto soccorso.

Il sovrintendente aveva notificato al detenuto un rapporto disciplinare per una precedente aggressione della quale si era reso responsabile. Questa settimana nel carcere di Ariano Irpino – afferma il segretario nazionale del Sappe, Emilio Fattorello“Si e’ svolta per due giorni una protesta dei detenuti del Reparto ex art. 32 , dove sono ristretti i detenuti responsabili di aggressioni al personale e responsabili di aver turbato la sicurezza e l’ordine, che hanno rifiutato di rientrare nelle celle e no è normale che un detenuto morde agente penitenziario per rivalsa”.

“Il carcere di Ariano Irpino- aggiunge il Sappe – è una struttura penitenziaria vetusta e fatiscente isolata geograficamente e trascurata dalla politica e da una Amministazione sempre piu’ assente, con una carenza di organica di oltre 30 unita’ del ruolo essenziale degli agenti/assistenti”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Tragedia a Castel Volturno, giovane muore dopo essere stato investito

E’ di ieri mattina – informa il segretario del sindacato degli agenti penitenziari – il ritrovamento sul camminamento del muro di cinta, privo da tempo della dovuta sorveglianza, di un involucro contenente tre telefoni cellulari e di un panetto di droga.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Pozzuoli, il Comune bonifica e rende visibile la necropoli romana

Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a #Pozzuoli

Pubblicato

il

pozzuoli

Pozzuoli. Saranno nuovamente visibili e visitabili i resti dell’antica necropoli romana di via Antiniana a Pozzuoli nei pressi dell’anfiteatro Flavio e a breve distanza dal vulcano Solfatara grazie ad un intervento di bonifica e riqualificazione dell’area effettuato dal comune.

Nella necropoli, portata alla luce solo negli anni novanta, sono conservati testimonianze di monumenti funerari e il basolato della strada che collegava Pozzuoli con Napoli. L’incuria e l’abbandono avevano reso il sito un ricettacolo di rifiuti ricoperto completamente dalla vegetazione. L’intervento comunale giunge a seguito di un accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio che ha giurisdizione sulla necropoli.

LEGGI ANCHE  A Portici minaccia di morte ex moglie

“I lavori sono eseguiti a spese del comune – ha informato il sindaco – pur non avendo la competenza sul sito e prevedono il completo diserbamento di tutta l’area con la rimozione di erbacce, sterpaglie, legni e rifiuti vari. Lo facciamo a beneficio dell’ambiente e nel rispetto della collettivita’ e di un bene comune”.

Continua a leggere

Cronaca Napoli

Napoli, blitz alla Duchesca: sequestrati migliaia di capi e accessori falsi

Questa mattina gli agenti della polizia municipale di #Napoli ha svolto un importante intervento nell’area di via Maddalena al cosiddetto mercato della duchesca,

Pubblicato

il

napoli

Napoli. Questa mattina gli agenti della polizia municipale di Napoli ha svolto un importante intervento nell’area di via Maddalena al cosiddetto mercato della duchesca, luogo di riferimento noto per l’alta concentrazione dell’offerta ed il commercio ambulante di merci con marchi contraffatti.

Le operazioni hanno portato al controllo di numerosi venditori ambulanti ed al sequestro di vari articoli di abbigliamento ed accessori, tutti riproducenti illegalmente i modelli di note griffes. Nello specifico, 600 paia di scarpe, 250 tra borse e cinture , 1900 capi di abbigliamento e 530 occhiali da sole – , nonche’ di diversi prodotti di pirateria informatica, tra i quali 3.200 supporti digitali audio e video.

LEGGI ANCHE  Torna Janara Horror Fest, la terza edizione è online

Durante i controlli venivano rinvenuti e sottoposti a sequestro anche grossi sacchi contenenti migliaia di loghi contraffatti con il marchio di importanti aziende (adesivi, toppe in tessuto, decalcomanie), pronti per essere applicati su capi di abbigliamento ed accessori.

Continua a leggere
longobardi logo

Le Notizie più lette