Seguici sui Social

Salerno e Provincia

Controlli a lidi balneari in costa d’Amalfi, sanzioni ad Atrani

Controlli a lidi balneari in costa d’Amalfi, sanzioni ad Atrani. Le violazioni sono di carattere amministrativo nei confronti di due attività d’impresa


PUBBLICITA

Pubblicato

il

Controlli a lidi balneari

Controlli a lidi balneari in costa Amalfi, sanzioni ad Atrani. Le violazioni sono di carattere amministrativo nei confronti di due attività d’impresa

Controlli  ai lidi balneari della spiaggia ad Atrani, in Costiera Amalfitana. I carabinieri e l’Ufficio Locale Marittimo di Amalfi, unitamente a personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Salerno, hanno rilevato alcune violazioni di carattere amministrativo nei confronti di due attività d’impresa, l’una gestita dall’amministrazione comunale attraverso la Miramare Service, l’altra affidata in concessione a una società cooperativa che ha vinto l’appalto di gestione.

Controlli a lidi balneari in costa Amalfi

Atrani

foto di repertorio

L’attività comunale, sulla spiaggia di levante, oltre a non rispettare i protocolli in materia di sicurezza e contrasto al fenomeno del Covid-19, ha violato le disposizioni previste dall’Ordinanza di sicurezza balneare della Capitaneria di porto di Salerno, quali l’obbligo di assicurare il servizio di salvataggio e di essere dotati di materiale di primo soccorso.

LEGGI ANCHE  Camorra, sequestro beni al colletto bianco del clan Mallardo

L’altro lido, sulla spiaggia di ponente, benché la società fosse concessionaria dell’area, è autorizzato dall’Ufficio tecnico del Comune esclusivamente all’allestimento dello stabilimento e delle pertinenti strutture e non a poter ospitare clienti poiché la procedura di affidamento non risultava completata.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Incanto nel blu ad Ischia la Guardia Costiera parla di tutela ambientale e biodiversità̀

Inoltre, le verifiche condotte in materia previdenziale ed assicurative hanno fatto emergere la presenza di tre lavoratori in nero, motivo per cui è scattata unasanzione di oltre 10 mila euro.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Salerno, imprenditrice cambia falsi assegni: va agli arresti domiciliari

Un’imprenditrice campana di 50 anni, che opera nel commercio di auto nel Vallo di Diano in provincia di #Salerno, e’ stata posta agli arresti domiciliari dalla Guardia di Finanza con le accuse di truffa e tentata truffa ai danni di un ente pubblico e autoriciclaggio.

Pubblicato

il

salerno

Salerno. Un’imprenditrice campana di 50 anni, che opera nel commercio di auto nel Vallo di Diano, e’ stata posta agli arresti domiciliari dalla Guardia di Finanza con le accuse di truffa e tentata truffa ai danni di un ente pubblico e autoriciclaggio.

I militari delle fiamme gialle hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Potenza, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo lucano. Fra il 2019 e il 2020 la donna aveva posto all’incasso in una banca di Brienza (Potenza) cinque assegni intestati al Comune di Gaeta (Latina), per un valore complessivo di 240 mila euro.

LEGGI ANCHE  Napoli, i Cutolo volevano uccidere il rivale Minichini. TUTTI I NOMI

Il primo degli assegni – per 50 mila euro – era stato “abilmente falsificato” ma aveva superato “un primo vaglio dell’istituto di credito”, che aveva accreditato la somma. La Guardia di Finanza, poi, aveva accertato che i soldi venivano utilizzati dalla donna nella sua attivita’ imprenditoriale.

Sia la banca sia il Comune di Gaeta, dopo aver accertato di aver subito la truffa, hanno agito per impedirne la continuazione non accreditando gli altri quattro assegni. Oltre agli arresti domiciliari per la donna, rintracciata a Castel Volturno (Caserta), la Guardia di Finanza sta eseguendo operazioni di “sequestro preventivo diretto e per equivalente delle somme illecitamente sottratte”.

Continua a leggere
longobardi logo