Seguici sui Social

FlashNews

Chiara Gualzetti, 2 colpi al cuore per ucciderla

Due colpi al cuore per uccidere Chiara Gualzetti: l’amico l’ha colpita prima alle spalle e poi al petto secondo quanto emerso dell’autopsia. Ora i genitori potranno disporre i funerali


PUBBLICITA

Pubblicato

il

Chiara Gualzetti due colpi al cuore

Monteveglie. Due colpi al cuore per uccidere Chiara Gualzetti: è quanto emerge dall’autopsia conclusasi poco fa a Bologna.

L’amico che ha ucciso la 15enne di Monteveglio in provincia di Bologna ha colpito la ragazza all’addome provocandole una lesione polmonare letale.

Chiara è morta in pochi minuti. L’assassino l’ha accoltellata prima alle spalle quattro-cinque colpi superficiali poi le ha inferto le due coltellate mortali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Chiara Gualzetti, per il Gip: “L’assassino poteva uccidere ancora”

L’esito dell’autopsia effettuata oggi pomeriggio saranno riversati in una perizia che verrà consegnata al pubblico ministero del Tribunale per i minori che indaga sul delitto di Monteveglio avvenuto domenica scorsa e scoperto lunedì.

Ad effettuare l’autopsia presso il policlinico Sant’orsola-Malpighi di Bologna il medico legale nominato dal pm Simone Purgato, assistito dai periti della famiglia di Chiara Gualzetti, Antonio Mirabella (anatomopatologo) e Pietro Tarsitano (medico legale) nominati attraverso l’avvocato Giovanni Annunziata. 

Secondo quanto emerso nel corso degli accertamenti autoptici, la giovane è stata colpita prima alle spalle con diversi colpi non mortali e superficiali, poi l’amico l’ha pugnalata all’addome all’altezza del cuore provocando due profonde ferite e lesioni polmonari che l’hanno uccisa in pochi minuti.

Chiara si è difesa, dunque, dopo aver ricevuto i primi colpi, ha tentato di sfuggire al suo assassino ma il 16enne ha infierito con ferocia su di lei.

LEGGI ANCHE  Napoli, sequestrati 600 chilogrammi di 'bionde': presi 3 contrabbandieri

I genitori di Chiara con la conclusione dell’esame potranno riavere il corpo della figlia e organizzare i funerali, ai quali parteciperà tutta la comunità del piccolo paesino della Valsamoggia. Il sindaco, Daniele Ruscigno, ha fatto sapere che su richiesta dei genitori della 16enne è stata attivata una raccolta fondi nata proprio per aiutare la famiglia a sostenere le prime necessarie spese legali. Una gara di solidarieta’ che in poche ore ha gia’ raccolto circa 10mila euro. “Chiunque – ha detto il primo cittadino – puo’ partecipare con la cifra che preferisce proprio perche’ ognuno si deve sentire libero di muoversi se e come meglio crede. In questo caso i fondi raccolti, che con massima trasparenza saranno visibili sulla piattaforma in ogni momento, andranno direttamente alla famiglia. Questa e’ attualmente l’unica raccolta ufficiale e mi raccomando – ha sottolineato infine il sindaco – di fare attenzione ai tentativi di truffa che purtroppo anche in queste dolorose vicende possono esserci”. L’iniziativa pero’ ha incredibilmente fatto scoppiare una polemica sul profilo Facebook del primo cittadino, dopo che alcuni utenti hanno contestato le modalità e l’uso del denaro raccolto, costringendo Ruscigno, e anche i genitori di Chiara, Vincenzo e Giusi Gualzetti a spiegare meglio l’uso del danaro e a stoppare le polemiche pretestuose.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Nera

Monti Lattari, ora i narcos hanno anche le piantagioni sotterranee: 2 arresti

La scoperta fatta a Pimonte dal gruppo “Cacciatori” Calabria impegnati nell’operazione insieme con i carabinieri locali

Pubblicato

il

monti lattari narcos

Nuovo colpo ai narcos dei Monti Lattari con due arresti e la scoperta di una piantagione sottorranea.

Nel Parco regionale dei Monti Lattari il Comando Provinciale di Napoli – nell’ambito dei servizi volti al contrasto dell’attività illecita di produzione e spaccio di sostanze stupefacenti – ha disposto in questo periodo estivo mirati servizi di perlustrazione.

Quest’anno, a fornire un preziosissimo contributo ai militari della compagnia di Castellammare di Stabia, i militari dello squadrone eliportato Cacciatori Calabria e Puglia.

Durante le operazioni i carabinieri hanno arrestato a Pimonte un 57enne incensurato del posto. I militari hanno perquisito il terreno dell’uomo ed hanno rinvenuto e sequestrato 229 piante di cannabis indica alte circa 2 metri e mezzo. Sequestrate anche altre 43 piante della stessa tipologia – piantate in dei vasi – nascoste in un container interrato. Il nascondiglio era stato adibito a serra con corrente elettrica, impianto di areazione ed acqua. Tutto creato abusivamente.

LEGGI ANCHE  In Campania immunità entro ottobre con 4,6 milioni di doppie dosi

I Carabinieri hanno anche constatato che il furto di corrente elettrica ammonta ad un valore di quasi 84mila euro. Il terreno e il container sono stati sequestrati. Le piante campionate e poi distrutte.

A Lettere, invece, i militari dell’Arma hanno arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente un 58enne del posto già noto alle forze dell’ordine.
I Carabinieri hanno perquisito la sua abitazione e i terreni limitrofi. Rinvenuti e sequestrati quasi 2 grammi di cocaina e 86 grammi di marijuana oltre a 4 bilancini di precisione e vario materiale per il confezionamento della droga.

Gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del giudizio dell’Autorità giudiziaria oplontina.

Continua a leggere
longobardi logo