Strage di Ardea: i fratellini uccisi con un colpo di pistola ciascuno

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono stati raggiunti da un solo colpo di pistola ciascuno Daniel e David, i due bambini uccisi domenica mattina ad Ardea, vicino a Roma.

E’ quanto emerge dai primi risultati delle autopsie svolte oggi presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata. L’esame autoptico ha confermato che il piu’ grande dei due bambini,  Daniel Fusinato di dieci anni, e’ stato colpito al petto, il piu’ piccolo, david Fusinato di appena cinque anni, alla gola. Per la terza vittima uccisa da Pignani, il 74enne Salvatore Raineri, l’autopsia conferma la morte per un colpo di pistola alla testa. Giovedi verra’ svolta l’autopsia sul corpo del killer Andrea Pignani.

strage ardea pignani

Intanto mentre la Procura di Velletri continua le indagini si è stabilito che i funerali si dovrebbero svolgere nella Capitale tra giovedi’ e venerdi’, almeno quelli dei bimbi ad Ostia. I carabinieri, che conducono le indagini, hanno sequestro computer e cellulare di Andrea Pignani. Verranno effettuate verifiche per stabilire se ci siano all’interno elementi utili, se ad esempio l’uomo abbia avuto qualche contatto pregresso da cui si potesse intuire qualcosa.

    carabinieri ardea

    Rimane al vaglio la posizione della madre dell’ingegnere per quanto riguarda la mancata denuncia della pistola di proprieta’ del marito che non fu denunciata alla sua morte, avvenuta nei mesi scorsi. La donna rischia l’accusa di detenzione abusiva di armi. La pistola, una Beretta modello 81 calibro 7,65 utilizzata dall’omicida, era detenuta regolarmente dal padre di Pignani, ex guardia giurata, ma alla sua morte non fu denunciata.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il killer di Ardea era mister Hyde per i social

    “Non la trovavamo” si sarebbero giustificati i familiari. Ma la donna, essendo l’erede convivente del marito, avrebbe dovuto segnalare l’esistenza dell’arma anche se questa non era stata da lei ritrovata. I carabinieri stanno accertando anche l’eventuale presenza di telecamere che possano aver ripreso quegli istanti o inquadrato il killer lungo il tragitto.

     

     






    LEGGI ANCHE

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

    Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

    Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE