Ergastolo per il boss Ciro Rinaldi e le due complici DeStefano e Maione

Ergastolo per  il boss Ciro Rinaldi ma anche per Luisa De Stefano e Vincenza Maione. E' la richiesta di condanna per l'omicidio di Vincenzo De Bernardo, alias pisello

google news
Ergastolo per il boss Ciro Rinaldi
ciro rinaldi luisa de stefano

Ergastolo per  il boss Ciro Rinaldi,  Luisa De Stefano e Vincenza Maione. E’ questa la richiesta di condanna avanzata oggi dal pm della Dda di Napoli.

I tre sono accusati di essere i mandanti e organizzatori dell’omicidio di Vincenzo De Bernardo, alias pisello, avvenuto a Somma Vesuviana l’11 novembre 2015.

La donna, ritenuta il capo  delle Pazzignane è stata tradita dalla sua sete di potere tanto che si sarebbe vantata in giro “Lo abbiamo fatto ammazzare noi. E Enzina ha fatto il messaggio”. Lo avrebbe raccontato a  Massimo Pelliccia, oggi pentito, ed ex del clan del rione Pazzigno legati al boss Ciro Rinaldi capo storico del rione Villa.

Luisa De Stefano è anche la mamma di Tommaso Schisa figlio del boss ergastolano Roberto Schisa, diventata nel frattempo pure lui collaboratore di giustizia.  Luisa De Stefano è già stata condannata al massimo della pena  per il duplice omicidio del circoletto di Ponticelli dell’estate del 2016 in cui furono uccisi Raffaele “Ultimo” Cepparulo e l’innocente Ciro Colonna.  Schisa  è anche nipote di Giuseppe Schisa ucciso a Ponticelli il 18 marzo del 2002 quando in giro di diffuse la voce di un suo possibile pentimento.

LEGGI ANCHE  Bimbo venduto al boss Ciro Rinaldi: la Corte di Appello ascolterà i "pentiti"
schisa de bernardo
il pentito Tommaso Schisa e la vittima Vincenzo De Bernardo detto pisello

Il movente dell’omicidio di De Bernardo e’ duplice: da un lato fronteggiare l’espansione dei Mazzarella anche nel Nolano e nel Vesuviano, dall’altro vendicare l’assassinio di Emanuele Sibillo, il 19enne ucciso anche da Roberto De Bernardo, il nipote della vittima a cui aveva offerto ospitalita’. De Bernardo venne ucciso l’11 novembre 2015 a Somma Vesuviana, durante la guerra di camorra tra il clan Mazzarella e il clan Rinaldi. L’omicidio avvenne dopo la scarcerazione di De Bernardo, elemento legato alla camorra di Forcella, che decise di trasferirsi nel Vesuviano una volta uscito di cella.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sgominato il clan De Bernardo, controllava la zona Vesuviana per conto dei Mazzarella: 9 ordinanze. I NOMI

Ciro Rinaldi, secondo gli inquirenti (pm Liana Esposito), fu uno dei mandanti dell’omicidio mentre le due donne presero parte all’esecuzione materiale dell’assassinio. L’altro mandante dell’omicidio e’ ritenuto Luigi Esposito, capo della cosiddetta fazione dei ‘paesani’. Ciro Rinaldi e’ difeso dagli avvocati Chiummariello e Impradice. Nino D’Anna e Antonella Regine, invece, difendono Vincenza Maione e Luisa De Stefano.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Indennità una tantum per autonomi e liberi professionisti: domande fino al 30 novembre

E' attiva online sul sito Inps la procedura per richiedere l’indennità una tantum

La Costiera Amalfitana set del film ‘The Equalizer 3’ con Denzel Washington

Partiranno ad ottobre le riprese del sequel dell'action movie 'The Equalizer 3' con Denzel Washington

Accese fumogeni in tangenziale per protesta, assolto capo ultrà della curva B di Napoli

Assolto il capo ultrà della Curva B di Napoli Alberto Mattera, denunciato per avere acceso dei fumogeni sulla tangenziale della città, durante la partita...

Gricignano di Aversa, incensurato di Sant’Antimo aveva 105 chili di cocaina purissima a casa.Il video

A finire in manette nel blitz anti droga dei carabinieri a Gricignano di Aversa un 51enne incensurato di Sant’Antimo. La droga nascosta in cantina aveva un valore di 8 milioni di euro

IN PRIMO PIANO

Pubblicita