Villa Betania distrutto il pronto soccorso



A Villa Betania distrutto il pronto soccorso e ambulanza del 118.

La mattinata del 28 giugno il pronto soccorso di Villa Betania è stato distrutto durante un’aggressione. A denunciarlo la pagina Facebook dell’associazione Nessuno tocchi Ippocrate.

L’ ambulanza 118 del Crispi trova persona a terra a via Pazzigno a San Giovanni a Teduccio in stato soporoso (sospetta assunzione di sostanze stupefacenti), si fermano, lo caricano in ambulanza, ed in tutta tranquillità lo trasportano a Villa Betania.

Improvvisamente una volta giunti in Pronto soccorso il paziente si alza dalla barella ed incomincia a distruggere tutto quello che ha a portata di mano: la barella della ambulanza; il computer di triage; stampanti; porte scorrevoli.

villabetania prontosoccorso

Inoltre il personale dell’ambulanza è stato oggetto di spintoni e di sputi. È stata allertata la polizia che sta identificando il soggetto. Il dottor Manuel Ruggiero
Presidente NTI ha così commentato: “Altra ferita profonda alla assistenza territoriale, perché continuiamo ad essere così invisibili alle istituzioni? “
La barella della ambulanza è fuori uso, la postazione del 118 del Crispi resterà ferma in attesa del ripristino del presidio, ergo una ambulanza in meno sul territorio.

LEGGI ANCHE  Napoli, maglia nera per contagi da Covid sul lavoro: 4.965 casi

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHEAfragola, rimosso altarino di una famiglia del clan Moccia

“Innanzitutto esprimiamo la nostra solidarietà al personale del 118 aggredito e che il soggetto ha anche distrutto il pronto soccorso ed aggredito venga denunciato e sottoposto a misure molte severe. Gli ospedali non possono essere più trincee di guerra, non si può lavorare in queste condizioni di violenza e di terrore. I pronto soccorso vanno presidiati dalle forze dell’ordine in maniera continuativa, è urgente applicare queste misure.”, ha dichiarato il Consigliere Regionale di Erompa verde Francesco Emilio Borrelli.


Google News

Afragola, rimosso altarino di una famiglia del clan Moccia

Notizia precedente

A Napoli parcheggiatori abusivi denunciati nel centro storico

Notizia Successiva